Tim Cook, stipendio raddoppiato in un anno

In molti temevano che il passaggio da Steve Jobs a Tim Cook sarebbe stato problematico per l’azienda di Cupertino, e che il ricordo di Jobs sarebbe stato troppo ingombrante per l’attuale CEO di Apple; ma il buon Tim è riuscito nell’impresa, portando nuove idee che difficilmente Jobs avrebbe avallato, come per esempio il passaggio a schermi più grandi per iPhone, o una versione ridotta di iPad e perfino l’utilizzo di un pennino d’associare ai futuri iPad.

tim_cook5

I frutti del lavoro di Tim Cook si sono inevitabilmente trasformati in maggiori guadagni, per l’azienda e per lui, che rispetto all’anno passato si è visto raddoppiare lo stipendio, arrivando alla cifra di 9,22 milioni di dollari; analizzando meglio la cifra si nota come 1,75 sia lo stipendio effettivo, con incentivi pari a 6,7 milioni, e 700 mila dollari per la sua sicurezza personale.

Ma il pezzo forte sarebbero i 197 milioni di dollari vincolati in azioni, su cui Cook potrebbe mettere le mani, al raggiungimento di determinati obbiettivi fissati da Apple.

Grazie al suo supporto la società Americana è in continua crescita finanziaria, registrando un valore pari a 700 miliardi di dollari e un prezzo per azione che si attesta attualmente a 119,75 dollari.

Contestualmente sono stati dichiarati i stipendi di altri componenti della società con sede a Cupertino, Angela Ahrendts, responsabile retail ha racimolato un gruzzoletto per così dire da 73 milioni di dollari, gli altri Apple executives, Eddy Cue e Jeff Williams, hanno invece dovuto accontentarsi entrambi di 24 milioni di dollari in azioni, Peter Oppenheimer si è fermato a  4,5 milioni di dollari, mentre l’italiano Luca Maestri, il nuovo CFO di Apple, ha intascato 14 milioni di dollari.

Comments

Loading…