Adobe Lightroom, l’app numero uno ora anche per Android

Lightroom mobile

Adobe, da sempre sinonimo di qualità per quanto riguarda i software di manipolazione delle immagini, numero uno incontrastato grazie al suo Photoshop, finalmente porta l’eccellente Lightroom sui nostri dispositivi Android, andiamo ad analizzarlo in dettaglio per vedere se l’app mobile merita il suo nome.

Prima di continuare è bene specificare che per poter utilizzare quest’app  bisogna avere attivo un abbonamento del tipo Creative Cloud, anche se è comunque sempre possibile richiedere una prova di 30 giorni insieme ad una trial della versione desktop.

Adobe Creative Cloud

La principale funzione dell’App, un poco come nella sua versione desktop, è di permettere un’organizzazione eccellente e un rapido ma completo sistema di modifica delle immagini, in questo caso integrando la sincronizzazione con la libreria Lightroom 5, mantenendo incredibilmente anche info e metadati (PC o Mac) e permettendo una sorta di editing incrociato.

Tra le funzioni più interessanti troviamo la possibilità di editare nativamente i vari formati RAW delle Reflex, che, oltre ad essere un buon metodo per sfruttare gli schermi ad altissima risoluzione dei nostri moderni SmartPhone, è anche una funzione eccellente per fotografi amatoriali e professionisti, dato che questo è considerato il formato per eccellenza, non presenta nessun tipo di compressione e mantiene il 100% delle informazioni registrate dal sensore nel momento dello scatto.

Schermata 1 LightRoom

Le altre funzioni includono la possibilità di importare facilmente le foto dalla galleria, di poterle velocemente scartare o accettare, di condividerle tramite Socials.

La versione per iOS risulta identica a quest’ultima più recente Android permettendoci di editare ombre, esposizione, punto del bianco, saturazione. Per quanto riguarda le più complesse “tone curves” queste non vengono gestite, ed è davvero un peccato visto che permetterebbero un editing ancora più preciso.

Essendo un software mobile l’uso più semplice è quello tramite “presets”, un po’ come ci ha abituato il famoso, seppur differente, Instagram.

Le specifiche minime richiedono:

  • un device con processore da almeno 1.7 Ghz,
  • un giga di ram e con storage da almeno 8 GB,

mentre ancora nessuna informazione sulla possibile imminente versione per tablet.

Schermata 2 LightRoom

Che dire? l’App Adobe Lightroom è sicuramente ben realizzata, anche se manca di alcune funzioni che la renderebbero un must e la Pro app per eccellenza, ad ogni modo sicuramente non possiamo rimanere delusi dato che Lightroom mobile rimane comunque un ottimo compagno per il fotografo sempre in mobilità.

CreativeCloudAndroid

Download Play Store (Android) | Adobe Lightroom Mobile
Downalod App Store (iOS) | Adobe Lightroom Mobile

Comments

Loading…