Samsung Galaxy Note 7: il 23 gennaio sapremo tutta la verità

Di Samsung Galaxy Note 7 si è parlato per tutto il 2016, tra indiscrezioni, notizie shock, ipotesi e scenari apocalittici, ma una vera e propria risposta da parte della casa ssudcoreana non è ancora arrivata. Un device maledetto, che ha obbligato Samsung a varie acrobazie volte a limitare i danni. Il forte rischio esplosione ha prima obbligato al ritiro di più device possibili, poi l’azienda ha addirittura scelto di rendere inutilizzabili in remoto i restanti device.

Molti non intendono privarsi del proprio phablet, che tra l’altro aveva ricevuto pure un certo successo in termini di critica, per Samsung rappresenta uno smacco difficilmente dimenticabile, ma prima di voltare definitivamente pagina è necessario fare chiarezza. Gli utenti attendono risposte dal gigante tecnologico asiatico, il momento della verità è quasi arrivato, entro una settimana sapremo tutto sullo scandalo tech del 2016. Facciamo il quadro della situazione.

Samsung Galaxy Note 7: è il momento della verità

Samsung Galaxy Note 7 è una ferita ancora per il gigante tech sudcoreano, in questo momento alle prese con un nuovo scandalo che vede coinvolto il proprio vice-presidente, ma bisogna fare chiarezza quanto prima. Le indagini per fare luce sull’accaduto sono giunte al termine e adesso i clienti vogliono sapere tutta la verità.

Samsung Galaxy Note 7
Samsung Galaxy Note 7

Stando a quanto si apprende dall’agenzia di stampa Reuters, il giorno sarà il 23 gennaio, dunque manca davvero poco. Non si tratta di una data casuale, visto che il giorno dopo verranno resi noti i dati finanziari relativi al quarto trimestre dello scorso anno. Samsung Galaxy Note 7 ha pesato molto sulle casse dell’azienda, costretta a enormi costi per ritirare dal mercato quanti più dispositivi possibili.

LEGGI ANCHE Samsung Galaxy Note 7: un aggiornamento lo spegnerà per sempre

Il futuro si chiama Galaxy 8, un dispositivo determinante per le sorti dell’azienda, sbagliare è vietato e per non correre ulteriori rischi e necessario far chiarezza sul flop precedente. Inizialmente la colpa è stata attribuita al design, eccessivamente audace e con spazi ridotti per l’espansione della batteria, ma a quanto pare la questione riguarderebbe solo la batteria stessa. Manca poco, presto sapremo tutta la verità.

Comments

Loading…