Motorola accusa Samsung di aver rubato la sua ‘always-on display’

Scoppia la polemica tra Motorola e Samsung, con la prima che accusa la seconda di avere rubato una sua idea. Ci riferiamo alla cosiddetta  ‘always-on display’  che come ben sappiamo è stata una tendenza per tutto il 2016,  apparendo sui top di gamma di Samsung e anche di LG.  Questa nuova funzione però già in passato ha creato molte polemiche per un presunto plagio all’idea avuta per prima da Motorola, la quale nelle scorse ore è uscita allo scoperto accusando Samsung di aver rubato la sua funzione. 

La domanda retorica di Motorola su Twitter

Su Twitter , Motorola nel suo profilo ufficiale si chiede retoricamente: “In che galassia è bene poter rubare funzioni interessanti dei telefoni concorrenti»? “. La dichiarazione, chiaramente rivolta a Samsung, è stato poi seguito da #TheOriginalAlwaysOnDisplay. Occorre però precisare che sebbene la versione di Motorola può essere considerata quella fino ad ora più memorabile di ‘Always on Display’, sicuramente questa non può essere considerata come l’originale, infatti già prima di questa nella storia degli smartphone vi sono stati altri casi di funzioni assai simili a questa.

In realtà la funzione non è stata introdotta per prima da Motorola ma da Nokia

Guardando indietro nel tempo e soffermandoci sugli smartphone più antichi, per prima cosa vediamo un “always-on display” già in uso su diversi dispositivi Nokia, sia all’interno di  Symbian che in Windows. Queste modalità a bassa potenza  veniva usata per mostrare il tempo di tutte le ore del giorno, ed è stata una grande aggiunta. Motorola in seguito ha migliorato la funzione ulteriormente aggiungendo nuove interessanti interazioni con le notifiche, che è il motivo per cui tutti noi ricordiamo così bene, questa funzione e l’associamo a Motorola.

Motorola
Motorola

 “always-on display” una funzione considerata molto utile dagli utenti

Ora siamo in grado di avanzare rapidamente fino al 2016 per vedere l’implementazione di questa sul Samsung  Galaxy S7. Qui la funzione mostra semplicemente il tempo, con una manciata di notifiche specifiche, quali telefonate e messaggi di testo. Ora, con Samsung Galaxy Note  7, la funzione mostra tutte le notifiche. Sta proprio in questo cambiamento il probabile sfogo di Motorola con il suo ‘tweet’ chiaramente riferimento ai rivali della multinazionale sudcoreana. Alla fine comunque alla massa dei consumatori non importa di chi sia il merito di aver introdotto questa importante funzione, ma l’importante è che questa venga ormai usata da molti smartphone e che questa sia continuamente migliorata e resa sempre più utile con gli ultimi modelli in arrivo nel mercato degli smartphone. 

Comments

Loading…