Galaxy Note 7: le compagnie aeree stanno adesso vietando il suo utilizzo

Il Galaxy Note 7 è apparentemente  un vero e proprio fiasco per la multinazionale sudcoreana, un guaio che  sta peggiorando per Samsung ogni giorno che passa. Anche se Samsung ha recentemente avviato un richiamo di massa per il suo phablet, dopo che si è sparsa la notizia che  il dispositivo rischia di prendere fuoco o esplodere durante la carica, i rapporti negativi che riguardano il Galaxy Note 7  si stanno moltiplicando. All’inizio di questa settimana, per esempio, abbiamo riportato come un Galaxy Note 7  sia esploso in un hotel in Australia causando danni per quasi 1400 dollari, che comunque Samsung risarcirà.

Oggi vi segnaliamo che tre compagnie aeree australiane (Qantas, Jetstar e Virgin Australia) hanno preso misure precauzionali da adottare per prevenire che i dispositivi Galaxy Note 7  possano scatenare il caos in aria. Mentre i passeggeri potranno portare il loro Galaxy Note 7 a bordo, le nuove direttive  delle compagnie aeree impediscono ai proprietari di ricaricare il loro dispositivo tramite le porte USB sui sistemi di intrattenimento di volo. Qantas, in particolare, avrebbe preferito non avere Galaxy Note 7  a bordo. 

In una dichiarazione fornita a Reuters , Qantas ha spiegato: “Dopo il richiamo di Samsung in Australia del Samsung Galaxy Note 7 personali dispositivo elettronico che chiediamo che i passeggeri che li possiedono non si accendono o li carica in volo.” L’Australia, naturalmente, non è l’unico luogo in cui vengono previsti divieti per questo device. All’inizio di questa settimana, i rapporti emersi indicano che la FAA stava considerando proprio di vietare il Galaxy Note 7. “La FAA e la Pipeline e Safety Administration  stanno lavorando sulle linee guida relative a questo problema”, ha detto un portavoce FAA in una dichiarazione alla Gizmodo qualche giorno fa. “Se il dispositivo viene richiamato dal produttore, equipaggio aereo e passeggeri non saranno in grado di portare batterie o apparecchi che contengono le batterie richiamate nella cabina di un aeromobile, o nel bagaglio imbarcato.

Leggi anche: Samsung Galaxy Note 7 esplode in hotel australiano, provoca 1380 $ di danni

Samsung Galaxy Note 7

Naturalmente, Samsung ha già emesso un richiamo, ma la regola della FAA di cui sopra  avrebbe  effetto solo se Samsung  avesse avviato il suo richiamo attraverso la Commissione statunitense per la sicurezza la protezione dei consumatori. Di conseguenza, la FAA sta ancora cercando di capire come gestire la questione. Detto questo, sarà interessante vedere se le compagnie aeree degli Stati Uniti emetteranno un divieto di propria iniziativa. Naturalmente, il divieto di gadget potenzialmente esplosivi non sarebbe senza precedenti come un certo numero di compagnie aeree statunitensi che già in passato hanno preso simili decisioni. 

Leggi anche: Apple: nuovo processore A10 Fusion, 120 volte più veloce rispetto al primo

Comments

Loading…