Apple: Tim Cook, in Cina, cerca di contenere le perdite

L’amministratore delegato di Apple Tim Cook , è volato in Cina dove le richieste per i prodotti di Apple vengono date in calo. Pechino sta spingendo le aziende tecnologiche occidentali come la Apple a soddisfare le normative sempre più stringenti per la memorizzazione dei dati e la condivisione delle informazioni, mentre è in calo la produzione di iPhone e questo significa che i fornitori del gigante tecnologico degli Stati Uniti e i produttori di contratto non sono felici.

Con le vendite della multinazionale californiana in calo, il sostegno calante del governo cinese e un nuovo iPhone in uscita, il signor Cook è in missione di  buona volontà: si incontrerà con i funzionari del governo, girerà negozi Apple cinesi e  parlerà con i residenti locali. Mr. Cook ha promesso di aumentare gli investimenti in Cina, in un incontro con il vice premier Zhang Gaoli a Pechino martedì. Ha visitato la città cinese di Chongqing mercoledì scorso, dove ha visitato un negozio della Mela insieme con il sindaco. Un portavoce di Apple non ha risposto alle richieste di commento sul viaggio del signor Cook in Cina. “Deve essere davvero amichevole con il governo”, ha detto Chris DeAngelis, direttore generale di consulenza tecnologia ADG, notando gli sforzi di Apple per espandere in settori cinesi, come i pagamenti mobili, che sono difficili per le imprese straniere in Cina.

Il Ceo di Apple ha promesso investimenti per aiutare l’economia locale in cambio di accesso al vasto mercato della telefonia mobile del paese. “Sta cercando di mostrare che sta imparando ed apprezza la cultura locale”, ha detto Kitty Fok, direttore di ricerca in Cina per la società di ricerche di mercato IDC. “Questo tipo di investimento contribuirà a costruire un rapporto migliore con il governo.”Questo trade-off non è una novità per Apple, nè per qualsiasi grande società di tecnologia dell’ occidente. Apple ha costantemente investito in Cina.

Ma Apple è ora in un momento difficile: Pechino sta chiedendo requisiti normativi sempre più forti, mentre il più grande contributo di Apple per l’economia della Cina attraverso la produzione di iPhone si sta restringendo. Apple infatti ha registrato un calo del 15% nelle vendite di iPhone a livello mondiale per il suo terzo trimestre chiuso a giugno a 40,4 milioni di unità, il secondo trimestre consecutivo di declino. Le vendite di Apple per tutti i prodotti in Cina, Taiwan e Hong Kong sono scese del 33% nel trimestre a $ 8.8 miliardi di dollari, la più ripida discesa regionale. La Cina è diventata la terza nazione come numero di vendite della mela morsicata dietro le Americhe e l’Europa nel trimestre.  Mentre in precedenza aveva occupato la posizione n ° 2.

tim-cook Apple
Il Ceo di i Apple Tim Cook

I leader cinesi hanno espresso preoccupazione per il calo delle vendite di iPhone. Nel corso di una riunione di maggio tra il premier cinese Li Keqiang e dirigenti di tecnologia nella provincia di Guizhou del sud, il signor Li aveva una sola domanda per Terry Gou, il presidente del principale produttore a contratto della multinazionale di Cupertino, Foxconn Technology Group , in base alle persone che hanno partecipato alla riunione. Il premier ha chiesto  ai dirigenti di Apple se la produzione di iPhone in Cina è in diminuzione.

Dopo aver cercato di deviare la domanda,  arrivata la conferma che “la tendenza generale” spinge verso il basso, le vendite. Il portavoce Foxconn non ha risposto immediatamente ad una richiesta di commento. Foxconn, formalmente conosciuto come Hon Hai Precision Industry Co. , ha riferito la scorsa settimana che il suo utile netto del secondo trimestre è sceso del 31% a 17,7 miliardi di dollari di Taiwan, rispetto all’anno precedente.

 

Comments

Loading…