Apple e Google si uniscono per reprimere il fenomeno delle ‘robocalls’

Apple e Google si uniscono per reprimere il fastidioso fenomeno delle cosiddette ‘robocalls’. Apple e Google capogruppo Alphabet si sono uniti in una coalizione di più di 30 aziende di tech e telecomunicazioni focalizzati sulla lotta contro le telefonate automatiche, secondo quanto riporta la Reuters.  Il gruppo in questione denominato come il “Robocall Strike Force”, è guidato dalla Federal Communications Commission, che ha tenuto la sua prima udienza sul tema oggi a Washington, DC. Robocalls includono sia i messaggi preregistrati da fuorvianti numeri di telefono, sia i messaggi di testo automatici. La FCC sta girando ad aziende come Apple, alphabet, AT & T, Verizon e perché è alla ricerca di una soluzione per evitare che il  telemarketing possa molestare i consumatori con messaggi preregistrati.

“Sappiamo che c’è un problema. Sappiamo quanto i consumatori non amano queste chiamate”, ha dichiarato il commissario FCC Mignon L. Clyburn. “Sappiamo che il pubblico è frustrato, perché presumevano che dopo che si sono registrati nella lista ‘Do Not Call’, queste si sarebbero fermate. Così non è stato, così ora è il momento di prendere qualche azione reale.” La forza d’attacco è prevedibile alla FCC dal 19 ottobre con “piani concreti per accelerare lo sviluppo e l’adozione di nuovi strumenti e soluzioni”, ha detto il CEO di AT & T Randall Stephenson, che è il presidente della coalizione. Queste soluzioni possono venire in forma di standard di verifica ID chiamante che potrebbero bloccare i numeri di telefono contraffatti, così come la creazione di un elenco di numeri da agenzie governative e banche che il telemarketing non sarebbe in grado di attaccare.

Parlando oggi nel corso della riunione , il presidente FCC, Tom Wheeler,  ha chiamato le robocalls una ” piaga “. In effetti , la FCC dice che le denunce presentate ai sensi della legge Telephone Consumer Protection ( TCPA ) hanno rappresentato più della metà dei 175.000 biglietti depositati presso il centro di aiuto della FCC nei primi sei mesi del 2016 . La FCC ha iniziato ad affrontare il problema  alla fine dello scorso anno, quando ha dato ai produttori di telefoni e telecomunicazioni il via libera per implementare il software  che blocca le robocalls. Tuttavia, le aziende come AT & T hanno dichiarato di avere bisogno di approvazione FCC per tale tecnologia . Ciò ha spinto Wheeler ad inviare una chiamata alle armi alle più importanti aziende tech in luglio con un post intitolato ” taglio delle robocalls “, in cui ha invitato le aziende tech e vettori a lavorare insieme alla Commissione per trovare una soluzione definitiva al problema .


google-apple

Il Commissario Clyburn è stato attento a sottolineare nelle sue dichiarazioni di oggi che il gruppo sta camminando su di una linea sottile tra aiutare i consumatori e permettere un comportamento anticoncorrenziale. Per esempio, la FCC ha imposto ad AT & T di smettere di bloccare le chiamate VoIP dell’iPhone, compresi quelli di Google Voice, come parte di un accordo contrattuale  che questa aveva con Apple. “La Commissione ha una lunga storia, di vietare l’uso abusivo o anticoncorrenziale della tecnologia dei blocchi alle chiamate”, ha detto Clyburn. “Ma i consumatori vogliono trovare finalmente un vero sollievo e sono ottimista sul fatto che a partire  da oggi, saremo in grado di fornire ai consumatori il cambiamento che chiedono a gran voce.

 I Big del  tech e delle telecomunicazioni hanno anche un altro motivo per cooperare con la FCC. Il TCPA è stato spesso usato in modo aggressivo in passato di citare in giudizio le società su messaggi automatici anche di base. Anche se la legge è stata concepita per reprimere l’uso molesto di robocalls da, diciamo, un terzo delle agenzie di recupero crediti assunte da una banca.  Partecipando a questa forza d’attacco, le principali aziende di tecnologia possono essere in grado di facilitare l’applicazione libera del TCPA in questi tipi di cause class action.

Comments

Loading…