4G intelligente lanciato da TIM con la tecnologia CloudRAN

L’operatore italiano ha lanciato da poco la tecnologia del 4G intelligente insieme alla collaborazione con Huawei per rendere più agevole la connessione in quelle aree di maggiore esigenza per ottimizzare il segnale radio.

La rete 4G, nata nel 2010 per poi essere distribuita in Italia grazie a TIM e le maggiori compagnie, ha sicuramente migliorato la velocità di ricezione ed invio di dati da dispositivi mobili, garantendo un servizio sempre più agevole per gli utenti sempre più in crescita in questo settore. In questi anni, questa nuova rete ha ricevuto costanti aggiornamenti e maggiore copertura, soprattutto dall’operatore italiano e da Vodafone, i quali sono stati i primi a renderlo gratuito nella propria offerta tariffaria.

In attesa dell’arrivo del 5G, TIM assieme a Huawei hanno dato il via in Italia del nuovo 4G intelligente che rende più agevole l’uso di questa rete ottenendo prestazioni migliori. Il suo rilascio è stato prima testato a Palermo lo scorso 4 Luglio assieme alle predisposizioni al nuovo 5G atteso nei prossimi 3 anni. La rete stazionata a Palermo è denominata CloudRAN e garantirà una maggiore copertura nelle aree gestite da Carrier Aggregation, oltre che a maggiorare i valori medi di download ed upload.

TIM-LTE

Per CloudRAN, intendiamo una rete ad accesso wireless che si occupa dei servizi broadband mobili assicurando una migliore esperienza utente concentrando il traffico dati in un unico sito centrale. Inoltre, questa rete si occupa anche di diffondere la rete LTE Advanced che, con la Carrier Aggregation, oggi raggiunge i 300 Mbit/s in download. La tecnologia CloudRAN era già stata testata in precedenza nel TIM Lab di Torino, ma ora è a disposizione di tutti gli utenti della zona di Palermo. – via

A favore del nuovo 4G intelligente, Gabriela Styf Sjoman (responsabile engineering di TIM) afferma:

Si tratta di una innovativa tecnologia che facilita TIM nel diventare una Digital Telco e offrire al cliente una user experience di qualità sui contenuti digitali e anticipare il 5G per ottenere migliori prestazioni.

Comments

Loading…