TIM pronta a lanciare una nuova interessante offerta per chi cambia gestore telefonico

Alcuni rumors delle ultime ore affermano che nel corso del mese di maggio ci sarà una nuova ed allettante offerta “Passa a TIM“, dedicata a tutti coloro che provengono da un altro operatore telefonico. Secondo le indiscrezioni l’offerta potrebbe essere davvero molto interessante. Ecco in cosa consisterà.

Nuova Offerta passa a TIM: ecco in cosa consiste

La TIM di sicuro non è nuova a lanciare interessanti promozioni con l’intento di racimolare nuovi utenti, incentivandoli ad effettuare il passaggio da un altro operatore. Già nel periodo natalizio, infatti, TIM lanciò sul mercato la “IperGiga Go“, apposita offerta dedicata a coloro che provenivano da 3 Italia e dai gestori virtuali. Ebbene, secondo le più recenti indiscrezioni, l’offerta di allora ha avuto un così tanto successo che TIM avrebbe deciso di rinnovarla e riproporla nel mese di maggio.

La nuova offerta passa a TIM si chiamerà molto probabilmente “IperGiga Special” e, sulla base di quella lanciata lo scorso Natale, permetterà a tutti i nuovi utenti TIM di poter usufruire di ben 50 GB di connessione dati in 4G e di minuti illimitate verso tutti i numeri nazionali, senza scatto alla risposta. Il tutto ad un prezzo pari a 15 euro ogni quattro settimane. Se tali voci si dovessero rilevare veritiere, si tratterà, quindi, di una promozione ancora più aggressiva rispetto alla passata “IperGiga Go“, la quale prevedeva “solo” 30 GB di connessione ad internet.

La nuova offerta passa a TIM potrebbe essere di nuovo dedicata a chi effettua portabilità da operatori virtuali o da 3 Italia. È molto probabile, infatti, che lo scopo sia proprio quello di cercare di attirare più utenti possibili, rimasti scontenti dalla fusione Wind e 3 Italia.

Potresti leggere anche  LG G6: arriva la conferma ufficiale, sarà completamente waterproof
instagram

Instagram, basta trucchi per aumentare i like e i followers. Arriva la soluzione definitiva

whatsapp

WhatsApp: arriva un’importante novità che manderà in pensione la tastiera