Evernote cambia policy e scoppia la polemica per rischio privacy

Evernote è una delle app più conosciute. Per chi non la conoscesse, si tratta di uno strumento utile a gestire progetti, impegni, note e poterli consultare da più piattaforme, grazie a una pratica sincronizzazione. Lavoro o tempo libero, questa piattaforma è utile per ogni scopo.

Parliamo dunque di un prodotto molto apprezzato e diffuso, sorprende dunque che lo staff abbia preso una decisione controversa in vista dell’anno nuovo. Il tema caldo è quello della privacy, la riservatezza degli utenti viene messa a repentaglio. Scopriamo insieme di cosa si tratta.

Evernote cambia policy

Un cambiamento di policy che stupisce, quello adottato da Evernote, stando alle nuove misure infatti i dipendenti dell’azienda potranno visionare i documenti salvati per svolgere una “supervisione”. Il fine sarebbe quello di migliorare la qualità del servizio, ma molti clienti hanno già mostrato il proprio disappunto, tanto da far scoppiare un vero e proprio caso.

Evernote
I dipendenti Evernote leggeranno i documenti degli utenti.

C’è però un modo per evitare queste intromissioni, basta accedere al servizio tramite le proprie credenziali, andare su “impostazioni personali” e negare il permesso all’accesso da parte di Evernote. In questo modo non si corre alcun rischio sul fronte privacy. Nonostante questo rimedio, la polemica non accenna a sgonfiarsi e non mancheranno repliche da parte dell’azienda nelle prossime ore.

Potresti leggere anche  Chiamate gratis anche senza copertura grazie a "Libon"
Facebook Eventi

Facebook presenta nuova applicazione per gestire Eventi

HTC smartphone

HTC ha tre assi nella manica da calare a Las Vegas