Tizen sostituirà Android nel prossimo Galaxy Gear 2!

Pochi giorni fa vi abbiamo parlato dell’uscita del nuovo Galaxy Gear 2, una delle grandi novità che vedremo al prossimo MWC insieme al tanto atteso Samsung Galaxy S5.

Nella giornata di oggi sono emerse nuove indiscrezioni sulle presunte specifiche del prossimo smartwatch di casa Samsung. Secondo il giornale USA Today, la nuova versione del Galagy Gear 2 dovrebbe dire addio ad Android per lasciar spazio a Tizen. Dopo innumerevoli rinvii dunque, Samsung pare si sia finalmente decisa a lanciare il suo OS.

Tizen è un sistema basato su Linux ed è stato sviluppato in collaborazione con diversi partner tra cui Intel e Linux Foundation.

Il Gear 2 eseguirà una speciale versione HTML5 di Tizen, adatta a schermi più piccoli e dispositivi meno potenti. Questa tecnologia oltre a facilitare il compito degli sviluppatori di terze parti, dovrebbe risolvere il problema della scarsa durata della batteria riscontrato nel primo modello.

Il nuovo Gear di Samsung avrà un’interfaccia utente personalizzata tutt’altro che complessa e sarà ancora in grado di connettersi al nostro smartphone per visualizzare le notifiche sul polso. Secondo

samsung_galaxy_gear_2_display_flessibile

The Verge, inoltre, non si esclude la possibilità di avere differenti modelli di Galaxy Gear 2, in questo caso gli utenti saranno liberi di scegliere tra uno smartwatch con Android o uno con Tizen.

Tizen rappresenta per Samsung un’alternativa ad Android, e integrarlo in uno smartwatch costituirebbe il modo ideale e meno rischioso per diffondere il proprio sistema operativo e consentire agli utenti di acquisirne familiarità.

Se Tizen dovesse avere successo, potrebbe prossimamente esordire anche su alcuni modelli di smartphone aumentando così la concorrenza. Questo garantirebbe a Samsung maggiori guadagni e maggiore controllo ma soprattutto un’indipendenza da Google che con il suo sistema operativo Android è attualmente il re incontrastato nel settore mobile.

Ne sapremo di più fra qualche giorno,  visto che comunque ormai l’MWC è alle porte.