Google I/O, un primo prototipo funzionante di Project Ara mostrato al mondo!

Oggi al Google I/O durante la conferenza che riguardava Project Ara, Paul Eremenko a capo del progetto, è da poco salito sul palco e mostrato tutti i progressi che ha fatto il suo team mostrando al mondo un primo prototipo di dispositivo modulare “Ara” funzionante.

Paul Eremenko capo di Project Ara insieme al coordinatore David Fishman
Paul Eremenko capo di Project Ara insieme al coordinatore David Fishman

Anche se durante la diretta il dispositivo è andato in Crash ed ha smesso di funzionare, anche dopo diversi tentativi di riaccensione, ma comunque è valsa la pena di vederlo per poco tempo acceso e sapere che “Project Ara” ormai è realtà!

Prototipo funzionante di Project Ara
Prototipo funzionante di Project Ara

Il capo del progetto ha ribadito che la strada da fare prima di vedere un primo dispositivo in versione Alpha è ancora tanta sopratutto per i problemi tecnici che si riscontrano ogni giorno, uno su tutti è l’interconnessione di tutti i connettori con l’esoscheletro e sopratutto la comunicazione tra loro.

Eemenko ha ribadito che il sistema operativo Android avrà bisogno di qualche cambiamento per supportare questi “moduli” e sopratutto bisogna capire se il sistema operativo riuscirà a gestire il tutto.

I moduli, Ermenenko, c’è li fa immaginare come una cosa che potremmo condividere con gli altri.

ara-dev-1-3d-printed-phone-design

Inoltre il team di Project Ara sta studiando una nuova tecnologia per la batteria per aumentarne notevolmente la capacità, visto che per l’interconnessione ci vorrà un maggior dispendio di energia.

Eremenko ha anche, durante la conferenza, annunciato una “sfida” per gli sviluppatori con un premio di ben 100 mila dollari per chiunque abbia voglia di costruire un modulo particolare a cui nessuno non ha ancora pensato.

Il capo di Project Ara conclude dicendo:

“Ragazzi, questo sarà difficile, ma abbiamo intenzione di farlo insieme”

Un dispositivo developer preview dovrebbe essere disponibile in autunno.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *