Tanta carne al fuoco per iPad

Sono numerose le notizie relative al Tablet più famoso e più trendy in assoluto. Ve le riassumiamo in questo articolo che sarà più lungo del solito proprio perché, come da titolo, c’è tanta carne al fuoco.

Una piccola premessa: quasi tutto è frutto di un’intervista a Ming Chi Kuo, noto analista ed esperto di rumors dal mondo Apple: sicuramente una fonte molto attendibile e affidabile.

 

Nel 2014 uscirà il nuovo iPad Air con Touch ID

ipad-5-touch-id-fingerprint

iPad Air è il nuovo modello di iPad, presentato il 22 Ottobre 2013. Presenta il processore A7 a 64 bit (come iPhone 5S), un display Retina da 9’7”, un’estetica molto accattivante e un peso di soli 429 grammi (contro i 652 dell’iPad 4) che rendono questo tablet un must-have per chi cerca prestazioni in un peso piuma.

Presentato insieme ad iPhone 5S (e 5C), differisce dal suo “collega” per la fotocamera e per l’assenza del Touch ID, il nuovo “Tasto Home” di Apple che, grazie ad una tecnologia basata su cristallo di zaffiro, diventa un piccolo lettore di impronte digitali che sostituisce la password per l’accesso a determinate funzioni (come il pagamento online) aumentandone il fattore sicurezza.

Assenza che dovrebbe essere colmata con il nuovo iPad Air, che verrà presentato probabilmente ad ottobre (come da consuetudine). Infatti, il nuovo iPad Air non subirà pesanti modifiche rispetto al modello attualmente in commercio, se non per il Touch ID e qualche piccolo upgrade (processore e fotocamera).

 

Nel 2014 niente iPad Pro, intanto rifacciamoci gli occhi con un concept

iPad Pro è una nuova concezione di tablet che dovrebbe essere la vera via di mezzo fra Tablet e Laptop grazie al display da 13”. Kuo sostiene che il ritardo è dovuto proprio al display: non è facile produrre un display così grande e le implementazioni attuali sarebbero davvero minime. Inoltre vi è il problema di quale fascia d’utenza andrebbe a coprire questo nuovo tablet.

Un concept realizzato da SET Solutions (azienda milanese, specializzata nella produzione di contenuti digitali) ci mostra come potrebbe essere il nuovo iPad Pro e cosa potrebbe effettivamente essere, ovvero una specie di MacBook Air senza tastiera, con lo schermo touch e, soprattutto, con OS X.

[youtube http://www.youtube.com/watch?v=ByvqdZRZujw]

Il concept nel video mostra un device con una cornice laterale ridotta all’osso, con la cornice superiore ed inferiore della dimensione giusta per contenere il tasto Home e la fotocamera frontale. Ovviamente il dispositivo sarà interfacciabile con tastiere e mouse bluetooth (e chissà con che cos’altro, conoscendo Apple).

L’idea di OS X in un dispositivo così portatile andrebbe ad attaccare i dispositivi mobili che montano Windows 8/8.1 (RT o “Standard”) disturbando così l’attuale monopolio di Microsoft in quel settore.

 

Non ci sarà un nuovo iPad mini Retina

La poca richiesta (dovuta soprattutto ad un prezzo abbastanza elevato per il target) e la volontà di sviluppare iPad Pro hanno spinto Apple a non sviluppare, almeno per quest’anno, il nuovo iPad mini Retina. Potrebbe esserci però un aggiornamento dell’hardware di iPad mini (standard).

 

Goodbye iPad 2

Dopo 3 anni di gloriosa presenza sul mercato, iPad 2 non sarà più presente negli store di Apple (anche se, come per iPhone 4, potrebbe essere disponibile in alcuni mercati “low cost” per terminare gli stock). Ricordiamo che questo device, rispetto al modello precedente, ha introdotto un form factory mantenuto circa da tutti i tablet successivi, processore dual core (rispetto al single-core di iPad 1) e la doppia fotocamera (iPad 1 non ne aveva).

 

Microsoft Office su iPad

La gamma di tablet Windows (iniziata circa due anni fa con la gamma Surface) ha portato una vera e propria novità nel mondo mobile, infatti sono gli unici dispositivi che montano il vero e unico Microsoft Office (la suite Office più famosa e più potente in assoluto).

Sembra che, fin dall’inizio dello sviluppo di Windows 8 RT, Office fosse destinato anche agli iPad, ma ciò non si concretizzò mai. Il cambio di CEO potrebbe risvegliare quel progetto chiuso nei cassetti di Redmond.

Ciò sarebbe sicuramente una lama a doppio taglio: se da un lato Microsoft guadagnerebbe più utenze (per quel che riguarda Office), perderebbe sicuramente utenze dal punto di vista dei tablet (visto che, da quasi 5 anni, tablet significa iPad).