Apple cerca ingegnere-psicologo per rendere Siri più ‘umano’

Siri è ormai da anni una presenza dei prodotti di casa Apple, ma l’assistente vocale nei prossimi anni potrebbe cambiare radicalmente.

Siri è ormai diventato una presenza familiare per milioni di persone in tutto il mondo. Inizialmente applicazione indipendente per App Store, Siri è stata acquisita da Apple nel 2010 e l’ha poi lanciato con iOS 5.

Sono passati anni dalla pubblicazione di questa piattaforma, ma Cupertino intende migliorare ulteriormente il suo assistente vocale, in modo da poter fronteggiare Cortana, Bixby di Samsung e altri prodotti analoghi sul mercato. Proprio in queste ore sono spuntate fuori notizie interessanti sul futuro di questa piattaforma, che in futuro sarà in grado di comprendere gli esseri umani ancora meglio.

Apple incita gli utenti all’utilizzo di Siri, i clienti nel corso degli anni hanno stretto un rapporto sempre più saldo con l’assistente vocale, diventato quasi una voce amica. Certo, ancora non possiamo considerare questa piattaforma come un vero e proprio amico, ma presto forse potremmo cambiare idea al riguardo.

apple siri psicologo

Cupertino, tramite un annuncio di lavoro, cerca una figura professionale piuttosto singolare. Il profilo richiesto è quello di un ingegnere in possesso di competenze nell’ambito della piscologia, in modo da “umanizzare” l’assistente. Upgrade in tal senso consentirebbero a Siri di fornire risposte più precise e di offrire supporto, non solo pratico ma anche “emotivo”.

Stando ai dati resi noti dalla Stanford University nel 2016, è in costante aumento il numero di utenti che confidano a Siri segreti e problematiche personali, la tecnologia è in molti casi un interlocutore in grado di fornire aiuto concreto.