Xiaomi Mi A1: Android One, Snapdragon 625 e doppia fotocamera posteriore | Ufficiale

Xiaomi presenta il suo primo smartphone con Android One

Questa mattina Xiaomi ha svelato ufficialmente il suo nuovo Xiaomi Mi A1, uno smartphone di fascia media che segna una vera rivoluzione per la casa cinese che, per la prima volta, sostituisce la “sua” MIUI con Android One, il progetto di Google pensato per proporre agli utenti smartphone economici con una versione pura e senza personalizzazioni di Android. 

Il nuovo Xiaomi Mi A1 arriverà, ufficialmente, anche in Europa, in particolare nei mercati dell’est Europa e, quindi, potrà essere facilmente acquistato in versione “import” europea anche dagli utenti italiani. Per il momento, infatti, il nuovo Xiaomi Mi A1 non è previsto in Italia. Per quanto riguarda il prezzo, invece, per ora Xiaomi ha annunciato esclusivamente il prezzo per l’India (14,999 rupie) ma in Europa il nuovo Xiaomi Mi A1 dovrebbe essere commercializzato a circa 199 Euro di listino. 

Xiaomi Mi A1

Per quanto riguarda la parte hardware, il nuovo Xiaomi Mi A1 si basa sul recente Xiaomi Mi 5X presentato alcune settimane fa e può contare su di una scheda tecnica molto interessante. Lo smartphone, infatti, presenta il SoC Qualcomm Snapdragon 625 affiancato da 4 GB di memoria RAM e 32 GB di storage interno, espandibile tramite microSD. 

Il nuovo Xiaomi Mi A1 presenta, inoltre, un display IPS da 5.5 pollici con risoluzione Full HD ed un comparto fotografico che include una doppia camera posteriore con due sensori da 12 Megapixel (uno grandangolare ed un teleobiettivo) ed una fotocamera anteriore da 5 Megapixel. La batteria presenta, invece, una capacità di 3.080 mAh. 

Il nuovo terminale della casa cinese supporta la connettività LTE, ancora da confermare la presenza della banca 20, ed è Dual SIM. Nella parte posteriore dello smartphone troviamo, inoltre, un sensore di impronte digitali integrato nella scocca. 

Per quanto riguarda il software, come detto in apertura, il nuovo Xiaomi Mi A1 si basa su Android One, una versione pura e priva di personalizzazioni di alcun tipo di Android Nougat 7.1.2. Da notare che entro la fine del’anno in corso è previsto l’update ad Android Oreo, la nuova evoluzione di Android presentata da Google in via ufficiale pochi giorni fa.