Come evitare che le foto private finiscano in mani poco sicure

Nessuno è al sicuro e tutti possono diventare vittime in un attacco nel sistema di archiviazione online

Nessuno è al sicuro dal pericolo di poter diventare una vittima di in un attacco al sistema di archiviazione online. Tuttavia, la sicurezza inizia in casa e ci sono diversi semplici consigli di cui tener conto per tenere a bada qualsiasi pericolo. Il primo è anche il più ovvio: se non si desidera che gli altri vedano alcune nostre immagini, evitiamo di memorizzare un servizio cloud (o iCloud o qualsiasi altro). I servizi di cloud storage sono sicuri, ma non impenetrabili. 

Un altro dettaglio. Anche se ci sono applicazioni come Snapchat, Glimpse, Wickr  che utilizzano la modalità CoverMe, le foto inviate non possono essere salvate nel dispositivo del destinatario. Ma aggirare queste misure di sicurezza è ridicolmente facile. A volte, è talmente facile come fare uno screenshot. La tecnologia non vi proteggerà dalla vostra imprudenza.

Detto questo, partiamo dal presupposto opposto. Si vuole inviare una foto particolare a qualcuno ma non si vuole rischiare che cada in mani sbagliate. Ecco alcuni consigli di base:

Prima di scattare la foto

Sei sicuro di sapere dove tieni le tue foto?

Se pensate che le vostre foto siano solo nella galleria del vostro device, meglio controllare di nuovo. Nessuna precauzione possibile se il caricamento automatico su Google + è stato selezionato. Il problema, qui, non è che questi servizi cloud non siano sicuri, ma moltiplicano il numero di copie e, con esso, il rischio potenziale che qualcuno acceda all’immagine, soprattutto se abbiamo una politica di password molto povera

Facebook, iCloud, Flickr, Google +, Google Drive, Dropbox o Microsoft Onedrive sono solo alcune delle applicazioni che possono fare backup automatici nel cloud. Se non diversamente specificato, la copia non è pubblica ma visibile solo a noi. Per motivi di sicurezza, utilizzare una fotocamera che non abbia collegamenti. 

Le password, le password, le password, le password!

Il più delle volte le nostre password vengono rubate. iCloud o Dropbox integrano sistemi di crittografia, ma sono inutili se la nostra password è la nostra data di nascita. Casi come la famosa foto in iCloud sono la combinazione di una vulnerabilità in un sistema che utilizza la forza bruta per dare un “calcio nella porta” ed accedere alle nostre informazioni. Per quanto si usi una buona password o attivato la doppia verifica, è bene scegliere una buona combinazione. Dopo anni e anni ad ascoltare la stessa raccomandazione su come non raccogliere le password, è il caso di procedere a fare le giuste scelte.

Vale la pena avere una password complessa che non sia immediatamente facile da indovinare. Le password devono essere di almeno otto caratteri, lettere maiuscole, lettere minuscole, simboli e numeri. Questo non è sufficiente. E’, infatti, anche necessario che queste password siano diverse per ogni servizio online che si utilizza, o per lo meno, per la più importante. Se tutte le nostre password sono le stesse in ogni email, si rischia di mettere in pericolo tutte le nostre informazioni online. 

Quando si scatta la foto

Foto anonima

Ora giunge il momento di scattare l’immagine. Quella che non volete sia associata a voi. Il modo più rapido per identificare il volto di una persona è usare alcuni editor di immagini che consentono allo smartphone di sfocare parti dell’immagine. Se non si desidera ricorrere a così tanto, si può semplicemente ritagliare l’immagine ed eliminare qualsiasi riferimento. 

Rimuove i metadati

Anche se non mostrare il vostro volto, le foto scattate con il device hanno un problema: è facile associare l’immagine all’utente appena inviata tramite geolocalizzazione. In primo luogo, disattivare la posizione GPS per l’applicazione della fotocamera sul dispositivo. Questa opzione si trova nelle impostazioni di privacy. 

Dopo aver scattato la foto

Inviare il file in modo sicuro

Snapchat o altre applicazioni associate con attività di sexting sono completamente sicure. Trasferisce i dati tramite smartphone non è così sicuro. Il modo più affidabile per inviare un archivio privato è, paradossalmente, l’invio dei file in chiave crittografata .zip e password. 

E’ quindi necessario avere un’applicazione che permetta di creare ZIP dallo smartphone. izip è una efficace alternativa per iOS e AndroZip o ArchiDroid sono buone scelte in Android. Gli utenti di Windows Phone possono contare su 8 Zip o Pocket Estractor

Condividi la password

Non ha senso inviare il file ZIP con la password necessaria per aprirlo. Idealmente, la password è qualcosa che voi e il destinatario può sapere ma, se non è possibile, ci sono diversi modi per inviare le informazioni senza che sia evidente. Il modo migliore per condividere le password è mediante l’applicazione LastPass, ma si tratta di un servizio a pagamento e il destinatario anche ha bisogno di avere installata l’applicazione. Se non si vuole spendere soldi, di partenza è ideale inviare la password mediante diversi messaggi da diverse applicazioni. Non è infallibile, ma è un sistema abbastanza efficace. 

Conservare l’immagine

Idealmente, rimuovere l’immagine dallo smartphone è la condizione ideale. Per conservarla, è possibile salvarla su un servizio cloud nella stessa cartella crittografata che abbiamo usato per trasmetterla. Sebbene l’insinuarsi in servizi di immagini di cosiddetti VIP dicano il contrario, i servizi cloud sono abbastanza sicuri. La migliore alternativa è creare una cartella crittografata e nasconderla sul computer o su una flash drive USB protetta. 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *