Apple iWatch: due versioni e decine di sensori biometrici, cosa c’è di vero?

 

iwatch01

 

L’alone di mistero che circonda i nuovi prodotti Apple è, in molti casi, più interessante delle presentazioni vere e proprie. Da due anni ormai si parla del fantomatico Apple iWatch, mai realmente presentato o anche solo nominato da Apple ma, in un mondo sempre più saturo di smartphone, la battaglia dei giganti della telefonia si sta spostando sui dispositivi indossabili e per ora l’azienda di Cupertino è l’unica rimasta fuori dai giochi.

Schermata 2014-06-20 a 17.29.50La presentazione di iOS8 e la sua integrazione dell’app per la gestione dei bioritmo, dei dati relativi alle analisi del sangue e, più in generale, della nostra salute, lascia però presagire che Apple stia seriamente sul punto di presentare un prodotto nuovo che coniughi le funzionalità di uno smartphone con la versatilità di un orologio che possa tenere sotto controllo tutti i parametri della nostra salute e farci un po’ da personal trainer.

Negli anni app come Nike+ hanno preso sempre più piede grazie all’integrazione delle funzionalità social con il monitoraggio dei progressi fatti grazie all’attività fisica. In questa direzione i competitor di Apple si sono già mossi senza però strafare.

Da qualche ora il Wall Street Journal si è espresso sull’argomento parlando di diverse varianti di design per il nuovo gioiellino Apple iWatch. Ovviamente non si sono sbottonati molto fornendo dettagli succosi ma le ipotesi sono due: differenti design per quanto riguarda il disegno della scocca, oppure semplicemente differenti dimensioni. Nel primo caso avremmo due linee di prodotti completamente diversi, con la probabile introduzione di colori, forme e materiali molto diversi come già avvenuto lo scorso anno con iPhone 5S e 5C. Stesso sistema e UI quindi ma differenti materiali o funzionalità ridotte per aggredire un mercato se non proprio di fascia bassa, direi di fascia inferiore  rispetto all’iWatch di “punta”.

iwatch04

Nel secondo caso avremmo invece una semplice differenziazione dimensionale, come pare avverrà con la presentazione del nuovo iPhone 6. Due dimensioni per la linea di telefoni e altrettante per la linea di smartwatch quindi al fine di creare un maggior numero di possibili scelte per i consumatori.

Oltre ai soliti siti di esperti molte “idee” provengono anche dai forum, uno in particolare ha offerto un punto di vista interessante: si tratta di Lewis Dorigo del forum di MacRumors il quale afferma che la dimensione scelta potrebbe essere 2,45 pollici, per una risoluzione di 480 x 640 pixel. Tutto ciò porterebbe alla risoluzione esatta già presente sugli attuali dispositivi dotati di Retina Display la cui qualità indiscussa anche sotto la luce diretta del sole è innegabile e di fondamentale importanza per un dispositivo indossabile. Qui di seguito vediamo anche alcuni rendering del sistema operativo creati dall’utente sulla base di iOS7.

iwatch02

iwatch03

Tornando al discorso sui sensori, molte fonti riferiscono la presenza di un gran numero di sensori biometrici perfettamente integrati con l’app Health introdotta a giugno nel nuovo iOS8. Battito cardiaco, pressione sanguigna, glucosio nel sangue e, dulcis in fundo, si parla di un analizzatore del sudore al fine di rivelare la quantità di elettroliti che indicano la necessità di idratazione. Sarebbe interessante se tale funzione fosse davvero così avanzata da identificare le sostanze di cui abbiamo bisogno durante l’attività fisica e addirittura offrirci real time una gamma di prodotti specifici da poter utilizzare a tal fine. Dalle bevande ai prodotti integratori in barrette, calcolando così anche eventuali calorie in eccesso assunte con tali sostanze.

Fantascienza forse, sicuramente tanta speculazione dietro un prodotto che siamo certi vedrà la luce a breve considerando la concorrenza sempre più agguerrita ed Apple di certo non può lasciarsi sfuggire un mercato così ghiotto come quello degli smartwatch.