Samsung Galaxy S8 Active ufficiale negli Stati Uniti: ecco le caratteristiche

Dopo varie indiscrezioni e rumor, finalmente anche il Samsung Galaxy S8 Active è stato annunciato ufficialmente ieri pomeriggio negli Stati Uniti. La presentazione ufficiale è avvenuta attraverso l’operatore telefonico statunitense AT&T. Naturalmente, l’annuncio ha confermato anche le altre indiscrezioni circa le specifiche tecniche del rugged-phone che può essere considerato una versione più resistente del Galaxy S8.

Dato che si tratta di un dispositivo destinato al mercato statunitense, l’azienda sudcoreana ha optato per un processore Snapdragon 835 all’interno del Samsung Galaxy S8 Active. Parliamo di un processore octa-core Kryo 280 affiancato dalla GPU Adreno 540 ed impiegato sulla maggior parte dei flagship Android, fra cui il Sony Xperia XZ Premium, lo Xiaomi Mi 6, il OnePlus 5 e così via.

Samsung Galaxy S8 Active ufficiale

Samsung Galaxy S8 Active: svelato nelle scorse ore negli Stati Uniti

La variante Active rinuncia al display Dual Edge visto sugli S8 in favore di uno schermo più resistente ma dotato sempre di angoli curvi. Le caratteristiche del pannello rimangono le medesime dell’Infinity Display. Troviamo, quindi, una diagonale da 5.8 pollici, la tecnologia Super AMOLED e risoluzione QHD+ 2960 × 1440 pixel. Rispetto ai Galaxy S8, anche il comparto fotografico rimane praticamente lo stesso.

Il Samsung Galaxy S8 Active dispone di una fotocamera principale da 12 mega-pixel con tecnologia Dual Pixel e di una frontale da 8 mega-pixel. Come rivelato dai precedenti leak, la versione rugged del flagship Android integra all’interno della scocca una batteria da 4000 mAh, ossia 1000 mAh in più dell’S8 e 500 mAh in più di S8+.

Il corpo dell’S8 Active, disponibile nelle colorazioni Meteor Gray e Titanium Gold, è composto da un telaio in metallo e da una protezione in gomma integrata degli angoli al fine di attutire gli eventuali urti. In questo momento, è prevista la commercializzazione del Samsung Galaxy S8 Active soltanto negli Stati Uniti. Ovviamente, la vendita potrebbe avvenire anche in Europa attraverso i vari canali di importazione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *