Huawei Mate 10: confermati nuovi dettagli sulle caratteristiche tecniche

Lo smartphone debutterà nel corso della prossima edizione dell’IFA di Berlino

Il CEO di Huawei Richard Yu ha confermato il debutto sul mercato del nuovo Huawei Mate 10 rivelando, nel corso di un’intervista a Bloomberg, alcuni dettagli su quella che sarà la scheda tecnica del nuovo top di gamma dell’azienda cinese la cui data di uscita dovrebbe essere fissata per il mese di ottobre dopo una presentazione all’IFA di Berlino.

Il nuovo Huawei Mate 10 potrà contare su di un display definito dal CEO di Huawei come “full-screen”. A conti fatti ci troveremo di fronte ad un pannello con rapporto tra le dimensioni di 18:9, lo stesso rapporto che troviamo su LG G6 e molto simile a quello dei nuovi Galaxy S8 e del futuro Note 8 (18,5:9). Il display sarà, probabilmente, flat e sarà dotato di risoluzione FullHD+.

Il nuovo top di gamma di casa Huawei potrà contare sull’ancora inedito SoC Kirin 970 che entrerà in produzione a settembre, debuttando proprio sul nuovo Mate 10. A completare la scheda tecnica di ci saranno almeno 6 GB di memoria RAM e diversi tagli di storage interno a partire da 64 GB, espandibili tramite microSD.

Il CEO di Huawei ha sottolineato, inoltre, come il nuovo Huawei Mate 10 potrà contare su un miglior comparto fotografico e su di un’autonomia maggiore di iPhone 8. Per quanto riguarda questi aspetti, il nuovo Huawei Mate 10 dovrebbe presentarsi con ben quatto fotocamere, due anteriori e due posteriori, che dovrebbero garantire prestazioni al top sotto tutti i punti di vista. L’autonomia sarà elevata ma al momento non sono noti dettagli in merito a quella che sarà la capacità della batteria.

Segnaliamo che il nuovo Huawei Mate 10 potrà contare sul nuovo sistema operativo Android O che sarà personalizzato da una nuova evoluzione della Emotion UI, l’interfaccia utente con cui la casa cinese personalizza tutti i suoi smartphone. Ulteriori dettagli in merito al nuovo top di gamma di Huawei potrebbero emergere già nel corso dei prossimi giorni. 

Fonte