Google Pixel 2: i nuovi smartphone potrebbero avere lo Snapdragon 836

Lo Snapdragon 836, non ancora presentato da Qualcomm, potrebbe guidare i nuovi Google Pixel 2

Google prevede di annunciare ufficialmente la nuova generazione di smartphone Pixel verso ottobre. Come è successo nel 2016, anche quest’anno sono attesi due modelli del device. Il più piccolo dovrebbe chiamarsi Google Pixel 2 mentre quello più grande Google Pixel XL 2. Secondo alcune indiscrezioni emerse nelle scorse ore, i nuovi smartphone Google saranno mossi da un processore Snapdragon 836. Si tratterebbe di una versione leggermente potenziata dell’attuale Snapdragon 835, non ancora annunciato ufficialmente dal chip maker americano.

Potrebbe accadere, dunque, una situazione simile a quella dei Pixel attuali. Questi ultimi, infatti, sono mossi dallo Snapdragon 821, ossia una versione potenziata dell’820. Purtroppo le fonti non hanno specificato se il nuovo SoC di Qualcomm sarà utilizzato su entrambi i dispositivi oppure soltanto sul Google Pixel XL 2. Tuttavia, sarà sicuramente interessante scoprirlo visto che nelle ultime settimane sono emerse delle informazioni le quali riportavano delle differenze tra i due telefoni Android.

Google Pixel 2 Snapdragon 836

Google Pixel 2: lo Snapdragon 836 potrebbe guidare i due nuovi telefoni Android

Una conferma sulla presenza di un chip Snapdragon 836 proviene già da GFXBench, un noto portale di benchmark. Qui è stato testato uno dei due Pixel 2 all’inizio di giugno con all’interno il SoC non ancora ufficializzato dal produttore americano. Come accaduto con gli Snap 801 e 821, anche lo Snapdragon 836 sarà un chipset molto simile al suo predecessore per quanto riguarda l’hardware utilizzato. Le uniche caratteristiche che dovrebbero cambiare rispetto all’835 sarebbero le velocità di clock della CPU e della GPU.

In particolare, gli 8 core Kryo 280 dovrebbero raggiungere una frequenza di clock superiore ai 2.45 GHz attuali, così come la scheda grafica Adreno 540 che dovrebbe proporre una velocità di clock leggermente maggiore. Naturalmente, ci sarà il processo produttivo a 10 nm che ne ottimizzerà i consumi energetici, proprio come l’attuale modello.

Il nuovo chip, quindi, sarà affiancato sempre da un modem LTE X16 prodotto da Qualcomm e dalla tecnologia di ricarica rapida Quick Charge 4.0 che sicuramente ridurrà drasticamente i tempi di ricarica delle batterie dei nuovi smartphone Google.

Google Pixel 2 Snapdragon 836