Come richiedere risarcimento danni per il disservizio Wind Infostrada del 13/06

Se anche voi come la maggior parte degli Italiani, che hanno l’operatore telefonico Wind / Infostrada, siete rimasti senza connessione internet e con l’impossibilità di effettuare chiamate sia da telefono fisso che da mobile nella giornata di ieri è il momento di chiedere un risarcimento danni.

wind-loading

Il tutto grazie alla Codacons (Coordinamento delle Associazioni per la Difesa dell’Ambiente e dei Diritti degli Utenti e dei Consumatori) la quale ha da poco preso “un’enorme”  iniziativa e chiesto un mega risarcimento alla stessa Wind per il disagio provocato ai clienti.

leggi anche: Wind lascia al buio mezza penisola, disservizio All Inclusive da manuale

I numeri parlano di circa 3 milioni di abbonati alla rete fissa Inforstrada ed un numero non meglio precisato (ma sicuramente più alto) per la rete mobile che nella giornata di ieri è rimasta con il proprio telefono inutilizzabile.

Dal sito dell’Associazione Utenti dei Servizi Radio Telefovisivi è apparso questo messaggio:

Un italiano su quattro isolato per tutta la giornata di venerdì 13 giugno: niente linea telefonica (neppure per chiamate d’emergenza!) né traffico dati senza contare le e-mail in tilt

Dovranno essere risarciti 3 milioni di utenti di telefonia fissa, almeno altrettanti titolari di sim e un numero non ancora ben precisato di clienti con casella di posta elettronica @libero.it

L’Associazione Utenti dei Servizi Radiotelevisivi sta preparando una maxi richiesta di risarcimento danni da presentare all’azienda colpevole di aver isolato, pressoché totalmente, tutti i suoi clienti per l’intera, o quasi, giornata di venerdì 13 giugno. Per il momento l’unico dato certo riguarda gli utenti di telefonia fissa danneggiati: 3 milioni! Ancora non precisato il numero di clienti di telefonia mobile e libero, comunque si parla di altre milioni di persone: un italiano su quattro è Wind-Infostrada.

Secondo i legali dell’Associazioni, oltre l’indennizzo previsto dall’Autorità Garante per le Comunicazioni (AGCOM) tanto per sospensione o cessazione che per malfunzionamento del servizio (Delibera 73/11/CONS), Wind-Infostrada dovrà risarcire tutti gli sventurati per le conseguenze concrete della giornata trascorsa senza poter comunicare, in alcun modo, né con clienti e datori di lavoro né con i propri cari.

Se volete unirvi alla causa e chiedere un rimborso ci si può iscrivere compilando semplicemente il form a questo link: http://www.termilcons.net/index.php?pagina=page_publicForm&idForm=245&css=1&access=ok