Wind lascia al buio mezza penisola: disservizio All Inclusive da manuale

BlogMeter ha eletto Wind Infostrada, Facebook Top Brands di maggio 2014 per la tempestività delle risposte date sui social network dal gestore arancione ai suoi clienti. Una strabiliante media di 11 minuti per rispondere a domande, curiosità, spesso lamentele per fatturazioni esagerate o disservizi.

Bè è chiaro che oggi 13 giugno 2014 Wind dovrà dimostrare di meritare quel riconoscimento più che in altre occasioni considerando che circa il 24% degli italiani (secondo i numeri presentati il 31 marzo 2014) possiedono un abbonamento mobile Wind e da mezzogiorno sono letteralmente al buio. Sebbene non tutti i clienti mobili Wind che fissi Infostrada lamentino gli stessi disservizi, gran parte della clientela soffre l’assenza di connessione ADSL sul fisso, servizio fonia/sms e internet su cellulare. In alcuni casi (i più gravi) i cellulari sono completamente al buio, mentre i più fortunati riescono ancora a usare gli sms sia in entrata che in uscita.

Schermata 2014-06-13 a 16.23.47

Molti dei nostri colleghi stanno seguendo gli sviluppi di questa assurda vicenda con un live blog minuto per minuto. Dalle poche notizie certe che si hanno sembra che il problema sul fisso sia legato allo snodo milanese che a quanto pare ha seri problemi di instradamento e non si è ancora riusciti a inoltrare la clientela colpita dal guasto sulle portanti alternative. Per il mobile il problema non è ancora ben chiaro e Wind non sta facendo certo chiarezza sui social network considerando il “faticoso” lavoro di copia/incolla dello stesso messaggio a tutti gli utenti che chiedono spiegazioni.

Anche la politica è intervenuta, Lorenza Bonaccorsi del PD, componente della commissione Telecomunicazioni, ha chiesto l’intervento di Agcom Antitrust: “Chiedano spiegazioni. Non ci sono informazioni sulla durata del black-out e gli utenti sono stati lasciati sostanzialmente abbandonati per ore. Lavoratori, professionisti, imprenditori, famiglie: sono rimasti tutti al buio. E’ opportuno che le autorità di vigilanza verifichino cosa è successo e a chi vanno attribuite le responsabilità”.

Sperando che la situazione si normalizzi al più presto considerando che molti abbonati wind sono ditte e aziende che usano il terminale per lavoro e non per divertimento, vi lasciamo con alcuni dei commenti più curiosi che su twitter stanno rimbalzando con l’ashtag più che azzeccato #WindDown.

Schermata 2014-06-13 a 16.01.38Schermata 2014-06-13 a 16.01.48Schermata 2014-06-13 a 16.02.04Schermata 2014-06-13 a 16.03.12Schermata 2014-06-13 a 16.07.34Schermata 2014-06-13 a 16.08.19