Ufficiale: Apple acquista Beats, quali sono le ragioni di spendere tale cifra?

Vi avevamo parlato giorni fa della possibile acquisizione di Beats da parte di Apple. Ebbene, Apple ha ufficializzato mercoledì, l’acquisizione di Beats Electronics e Beats Music per 3 miliardi di dollari.

Ma che cosa ha spinto Apple a spendere tale cifra? Le ipotesi sono molte, ma il pensiero generale è che Apple abbia acquisito Beats per il loro servizio di musica streaming, visto lo scarso successo di iTunes Radio. Apple vorrebbe portare il servizio Beats Music, anche nei mercati esteri oltre che negli Stati Uniti e questo compito risulterebbe molto facile con Iovine e Dr. Dre al tavolo delle trattative.

beats-apple

L’acquisto di Beats Music però, non giustifica affatto una tale spesa. Alcune conferme ci arrivano dallo stesso Jimmy Iovine, co-fondatore di Beats, che seduto accanto ad Eddy Cue di Apple sul palco della Re/Code Code Conference ha pronunciato queste parole riferendosi alle cuffie EarPods di Apple: “Le cuffie di Apple sono delle stronzate aggiunte al pacco solo per assicurarsi che la macchina funzioni. Tu ascolti Apocalypse Now e l’elicottero suona come una zanzara.”

Anche Eddy Cue ha voluto dire la sua sull’acquisizione, affermando che Apple non ha acquisito Beats per il fattore “moda”, ma per il talento di Iovine e Dr. Dre, per le cuffie e per il servizio streaming. Cue ha continuato dicendo che questa partnership sarebbe in grado di aiutare la musica a crescere di nuovo.

Sono passati due giorni dall’acquisizione, ma già alcune cose sono cambiate. Il periodo di prova di Beats Music ad esempio, è passato da 7 a 14 giorni, mentre il costo dell’abbonamento annuale è passato da 119 $ a 99 $. Oltre a questo, Apple per la prima volta nella sua storia sarà responsabile dello sviluppo di applicazioni per Android e Windows Phone.

9395-920-180661-beatsmusictitle-lCiò significa che Apple andrà alla conquista non solo nei dispositivi con iOS, che potranno continuare ad usare in esclusiva iTunes Radio, ma anche di tutti gli altri dispositivi e, considerando che i telefoni con Android coprono ormai oltre il 60% del mercato, il bacino di utenti di Apple si allargherà enormemente.

Apple potrebbe decidere anche di creare una versione di iTunes per Android e Windows Phone, in modo da aumentare considerevolmente le vendite di musica, settore ormai in declino da tempo.

Al momento queste sono soltanto idee su cui Apple starebbe lavorando insieme al nuovo team appena acquisito, ma avremo sicuramente modo nei prossimi mesi di vedere i concreti sviluppi di questa nuova e importante partnership che porterà moltissime novità in questo 2014.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *