Smartphone: secondo recenti studi, tra 5 anni potrebbero cessare di esistere

Molti consumatori, ritengono che gli smartphone nell’accezione moderna del termine, non esisteranno più. Secondo questa nuova ricerca condotta dai ricercatori della Ericsson ConsumerLab, gli smartphone cesseranno di esistere tra poco più di cinque anni, per venir sostituiti dall’intelligenza artificiale e dalla realtà aumentata.

La ricerca si basa su più di 39 paesi europei, di cui 100.000 clienti nativi della Svezia, andando a sondare il terreno su quali sono le loro opinioni e soprattutto i loro desideri sul prossimo futuro tecnologico.

La metà degli intervistati ha detto che per loro la tecnologia mobile sarà sorpassata entro il 2021, sostituita dal’intelligenza artificiale sempre più “smart” che ci permetterà di fare qualunque cosa aiutandoci nel quotidiano e soppiantando di fatto lo smartphone.

 Ericsson ConsumerLab Smartphone

 

Rebecka Cedering Ångström di Ericsson ConsumerLab ha infatti detto:

Uno smartphone in mano, a pensarci bene non è poi così pratico, ad esempio, non lo è quando siamo alla guida di un auto o stiamo cucinando, e ci sono molte situazioni in cui display non buoni posso limitare di molto il funzionamento durante il giorno. E’ per questo motivo che uno su due tra gli intervistati, pensa che gli smartphone apparterranno al passato entro i prossimi cinque anni. 

Prevediamo inoltre, ha aggiunto, che la tecnologia in costante evoluzione consentirà alle persone di migliorare esponenzialmente il loro tempo libero:

“Provate a immaginare di poter guardare il calcio e di essere in grado di scegliere da che angolazione vedere la partita, potremmo immaginare di essere in tribuna o forse anche in campo. Lo shopping è un’altra area in forte espansione, si potranno ad esempio provare e indossare le scarpe virtualmente per vedere effettivamente come ci stanno addosso.

hi tech 02

Questa ricerca della Ericsson ConsumerLab sui trends di consumo per il 2016 sostiene di rappresentare il punto di vista totale di più di 1,1 miliardi di persone.  La stessa azienda ha detto infatti:

Alcune di queste tendenze potranno sembrare altamente futuristiche, ma l’interesse dei consumatori nei nuovi paradigmi di interazione, come IA e realtà virtuale (VR) è davvero molto forte.

La tendenza ad avere Internet ovunque, compreso sui muri delle nostre case o anche all’interno del nostro corpo, tramite lenti a contatto o visori a led, è molto forte. Questo significa che potremmo vedere presto nuove categorie di prodotti apparire sul mercato ed intere industrie trasformarsi per accogliere tale innovazione.

Ecco alcuni dati della compagnia sui “Trends del 2016” :

1. Internet

Quattro consumatori su cinque, pensano che internet sia un beneficio immancabile e utilizzano sempre più i suoi servizi nella loro quotidianità.

2. Streaming

Gli adolescenti guardano contenuti video su Youtube ogni giorno se paragonati ad altre fasce di età. il 46% degli aventi 16-19 anni passano un’ora al giorno su YouTube.

3. IA

L’intelligenza artificiale permetterà interazioni con oggetti e strumenti senza la necessità di avere un display davanti.

4. Realtà virtuale

I consumatori vogliono tecnologia virtuale per le loro attività quotidiane, come guardare lo sport o effettuare chiamate video. il 44% desidera poter stampare il proprio cibo.

5. Case Sensing

Il 55% dei possessori di smartphone credono che i mattoni e i materiali utilizzati per costruire le abitazioni, dovrebbero integrare dei sensori anti muffe, anti fughe di gas o dispersioni elettriche. Vogliono rivoluzionato il concetto di case intelligenti, pensate su misura del consumatore.

6. Chat di emergenza

I social network possono diventare il modo migliore per contattare i servizi di emergenza. 6 consumatori su 10 sono interessati ad un’applicazione che dia risposte tempestive e informazioni sull’incidente avvenuto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *