Nuova Apple TV e Apple Watch con Tv OS, in sordina gli annunci pi๠interessanti

Era evidente che Apple dovesse cambiare le carte in tavola per due dei suoi dispositivi meno mass-market e così presenta la nuova Apple TV e nuove funzioni di Apple Watch dedicate al settore medicale.

Se l’iPad ha visto l’introduzione del nuovo, chiacchierato (e da qualcuno deriso) nuovo iPad Pro, una parte importante del Keynote ha visto come protagonisti Apple Watch e la nuova Apple TV. Così, in una mossa sola, Apple rinnova la gamma di iPad, di iPhone e infine del salotto con una nuova Apple TV.

 

Apple Watch

Lo smartwatch di Apple sta vendendo bene rispetto alla concorrenza, ma credo che le performance, rispetto a quanto s’aspettava Apple, siano abbastanza deludenti.

apple-watch

E’ chiaro ormai a tutti che Apple Watch non è un dispositivo così sexy come Apple vorrebbe. I più si chiedono a cosa serva e il prezzo, non certo abbordabilissimo, tiene lontani anche i curiosi con il portafogli pesante.

Ma c’è un settore dove un wearable device può fare la differenza: quello medicale. Un dispositivo che nel futuro possa monitorare le funzionalità basilari del nostro organismo, farebbe ovviamente la differenza.

Se la misurazione della glicemia rimane una chimera, da oggi la misurazione del battito cardiaco è una realtà a portata di polpastrello.

Così, durante la demo, abbiamo apprezzato la funzionalità di ECG (Elettrocardiogramma), un intero tracciato rilevato da Apple Watch e inviato al medico che ne ha fatto richiesta. Ecco, non una feature da ribaltarsi, ma la strada è quella giusta e nessuno poteva intraprenderla se non Apple (nel bene e nel male).

A corredo, ma non stiamo nemmeno a dirvelo, ci sono state nuove colorazioni e nuovi cinturini.

 

Nuova Apple TV

La parte più succosa però è arrivata con Apple TV. Ce l’aspettavamo anzi, la desideravamo ardentemente.

Un dispositivo dall’enorme potenziale sul quale per anni abbiamo sperato arrivasse Apple Store con i suoi fantastici giochi. Finalmente c’è.

Apple TV ha un OS nuovo, denominato Tv OS. Non immaginiamo quanti creativi ci siano voluti per pensare questo nome, ma tant’è, abbiamo un nuovo sistema operativo da aggiornare accanto a iOS e WatchOS. Un sistema che finalmente acquista una grafica e un’interfaccia totalmente nuova, pensata principalmente attorno a Siri e al nuovo controller.

nuova-apple-tv-game-controller

Con Siri sarà possibile interagire con qualsiasi elemento dell’interfaccia, chiedendole di mostrarci i film di determinato attore, piuttosto che i più recenti di una certa serie.

Si potrà mandare avanti o indietro un film oppure, facendole presente che non si è capita l’ultima battuta, lo potremo rimandare indietro e sul filmato verranno attivati temporaneamente i sottotitoli.

 

Se tutto questo era nell’aria, certamente la differenza l’ha fatta il nuovo controller touch.

Ma non solo touch, il nuovo controller ha un giroscopio e un oscilloscopio. A cosa serve? A trasformarlo in un controller della Wii. Così potrete giocare tutta una nuova generazione di giochi alla Wii Sports, per capirci, dove muoverete il controller nell’aria mimando i gesti di un tennista, di un golfista, ecc. ecc.

nuova-apple-tv

C’è un terzo nuovo enorme potenziale che abbiamo intravisto all’interno della nuova Apple TV. Si tratta delle applicazioni specificamente studiate per questo nuovo (diciamolo, è nuovo) dispositivo.

Perché? E’ semplice: Apple furbescamente ha mostrato un paio di applicazioni di negozi online specificamente studiate per la TV. Se vi soffermate a pensarci un attimo, quello del salotto è proprio un ambiente ideale per fare acquisti, dove tutta via nessuno aveva provato a insinuarsi.

Con la facilità di navigazione garantita dal nuovo controller e da Siri, siamo sicuri che fare acquisti sul 50 pollici di casa sarà certamente un’esperienza molto appagante… tranne che per il nostro portafogli.

Il prezzo? Beh, per la prima volta troviamo a bordo dello storage, quindi i prezzi saranno due: 149$ per la versione 32 GB e 199$ per la versione 64 GB. Uscita prevista? Ottobre (almeno da loro).