Huawei insidia Samsung ed LG a Berlino #IFA15

Huawei si rende protagonista all’IFA di Berlino mostrando i suoi nuovi gioielli. Giustamente notevole spazio è stato lasciato al suo primo smartwatch e altrettanto al nuovissimo e attesissimo top di gamma: Huawei Mate S.

ifa 2015-1

Ora che la casa cinese ha raggiunto l’Olimpo dei più apprezzati produttori di smartphone, attirando l’interesse anche di chi era proiettato solo su terminali come Samsung o LG, non poteva non fare un ulteriore passo avanti. Sicuramente l’ha fatto in grande stile con il nuovo orologio tecnologico che nulla ha da invidiare alla concorrenza.. Purtroppo neanche il prezzo!

Indossandolo sembra di non averlo neanche al polso.  Leggero e dal design decisamente piacevole risponde immediatamente al tocco leggero del proprio dito, sia nello scorrimento che nei singoli tap.

huawei watch 2 huawei whatch al polso

Potrebbe essere confuso,  ad uno sguardo veloce e poco attento,  con un normalissimo e classico orologio.  In realtà nasconde al suo interno, oltre ad ottimi materiali costruttivi,  che lo rendono anche estremamente resistente, un’elevata qualità tecnologica. Per non dimenticare poi il fatto,  non di poco conto,  che il suo sistema operativo è basato su Android Wear.

Delle sue specifiche tecniche vi avevamo già parlato e potete comunque consultarle al seguente link:

 

Un doveroso spazio è stato creato anche per il TalkBand B2 che promette grandi cose e che è l’ideale per chi è più proiettato alla vita frenetica ed ha bisogno di un dispositivo pratico con funzioni oltre che smart anche di auricolare bluetooth.

 

Con questo wearable si avranno sempre le mani libere per poter effettuare e ricevere chiamate, oltre che per controllare l’ora, la propria attività fisica, la qualità del sonno e, per i più sbadati, trovare il proprio dispositivo.

TalkBand B2

Lo spettacolo maggiore è stato offerto dal plastico di un trenino tra le montagne che ha incantato grandi e bambini. Ciò a voler dimostrare la notevole qualità fotografica dei dispositivi Huawei anche con soggetti in movimento.

Sia il Huawei Mate S, successore (forse impropriamente) del del Mate 7,  che il P8 Max,  la versione “gigante” dell’attuale top di gamma (l’Huawei P8), si sono comportati davvero bene, realizzando scatti con risultati sorprendenti.

mate_s

Ma il reparto fotografico è risultato essere un pallino della Huawei anche su un altro suo dispositivo, considerato un medio gamma: l’Huawei G8.

Come il predecessore,  il G7, ha mantenuto la stessa grandezza del display, anche se non lo stesso prezzo.

L’aumento di “eurini” per portarselo a casa forse però questa volta è giustificato dal fatto che di medio gamma il terminale ha ben poco (basti pensare, tra le altre cose, all’aggiunta del lettore di impronte digitali).

 

A prescindere dal design davvero curato nei minimi particolari,  con uno schermo “curvo” e un corpo in metallo,  nonché dalle sue caratteristiche tecniche, questo device mostra di dare grande importanza all’ormai modaiolo selfie.

Non solo e non tanto per il Flash Led presente anche nella parte anteriore (caratteristica questa che molti produttori stanno adottando sempre più spesso), quanto per le varie opzioni presenti e che migliorano lo scatto senza dover successivamente metterci mano per il miglioramento della foto.

Una tra tante? Il trucco! Esatto, basterà inquadrarsi e scegliere il make up che più si preferisce e questo sarà automaticamente applicato al viso del soggetto inquadrato. Certo non si tratta di una funzione che potrà interessare a tutti (più che altro, forse, a “tutte”) ma senza dubbio sta ad indicare la cura che Huawei mette nei particolari.

Insomma,  Huawei sembra voler fare sul serio e chissà se riuscirà a contrastare o raggiungere il predominio di Samsung ed LG.

E voi che ne dite?  Lascereste mai il vostro brand preferito per passare a Huawei? O già lo avete fatto?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *