Meizu ufficializza il nuovo Pro 6. Top di gamma con Helio X25 e 4GB di RAM

Eccoci giunti al fatidico giorno e uno dei pochi ultimi eventi di questo inizio 2016 dove ormai quasi la totalità dei produttori più importanti hanno presentato il loro top di gamma, non ultima HTC ieri con il proprio HTC 10. Direttamente da Pechino oggi è il giorno di Meizu che dopo aver presentato qualche giorno fa l’ottimo M3 Note, dispositivo di fascia media, si accinge a presentare la sua punta di diamante rappresentata dal Meizu Pro 6.

Tutto pronto per la presentazione in pompa magna dell’attesissimo top di gamma anticipato dai soliti artisti che fanno da apripista all’evento. E’ il momento infine del conto alla rovescia e Jack Wong, CEO di Meizu, inizia col parlare di dati. Wong parla della tendenza del mercato per quanto riguarda l’ampiezza dei display citando nome illustri come Apple ed anche Huawei che spesso realizzano smartphone di diverse grandezze per soddisfare le esigenze di tutti gli utenti.

Finalmente fa la sua comparsa il dispositivo che è la risposta alle esigenze appena accennate in termini di grandezza. Design ricercato e confermate le immagini intraviste in questi giorni del nuovo Meizu Pro 6. Si inizia a parlare di design ma anche di qualche caratteristica tecnica:

Il Meizu Pro 6 è stato realizzato per il 98% in metallo con bordi sottilissimi di soli 0,715 mm. Il display da 5,2 è un’ottima unità Super AMOLED con lavorazione 2.5D del vetro e risoluzione FullHD con ben 423 PPI e 450 Nits. Luminosità del display  che si può ridurre fino a 3 Nit per non affaticare gli occhi nelle ore notturne. Ha uno spessore di 7,25 mm e sarà commercializzato nelle varianti di colore Nero, Bianco e Oro.

Meizu Pro 6

Per il processore, adozione del MediaTek Helio X25, SoC da 10 core con GPU Arm Mali-T880 MP4. RAM alla pari dei suoi competitor con ben 4GB per prestazioni al top. L’edizione standard sarà caratterizzata da 32 GB di memoria interna senza possibilità di estenderla tramite MicroSD. memoria però prestante grazie all’adozione di moduli eMMc 5.1.  Migliori prestazioni equivalgono a migliori performance in termini di autonomia secondo il CEO Jack Wong con il Meizu Pro 6 che supererà agevolmente la giornata di utilizzo.

Internamente troviamo infatti una batteria da 2560 mAh con ricarica veloce e dotata di mCharge 3.0 in grado di ricaricare in soli 10 minuti il 26% della batteria ed in appena un’ora il 100%. Il caricabatterie in dotazione, infine è del 2,4% più veloce rispetto ai caricatori tradizionali. Sempre restando in argomento batteria, il nuovo Meizu Pro 6 ha all’interno un chip realizzato appositamente per una migliore efficienza; chip presente anche all’interno del connettore sul cavo dati. Il nuovo top di gamma sarà anche dotato di porta USB di tipo C 3.1 per una maggiore velocità di trasmissione dati e migliori performance.

Meizu Pro 6

Si passa al comparto multimediale e si inizia a parlare di fotocamere. Con uno sviluppo di 4 anni ed un costo per la sua ingegnerizzazione di 3 milioni, Meizu ha contribuito alla realizzazione di un modulo con minor ingombro e quindi ridotta sporgenza. La fotocamera principale è una 21 megapixel costituita dal sensore Sony IMX230 e confermato il caratteristico flash ad anello con 10 led che circondano l’autofocus laser che ha migliorato anch’esso la distanza di autofocus di ben 4 volte.

Meizu Pro 6

Anche il sistema audio è stato realizzato ad hoc con un chip audio dedicato con la certificazione Cirrus Logic, oltre ad una maggiore qualità in chiamata data dai microfoni. Jack Wong sottolinea anche come il nuovo Pro 6 abbia consumi minori del 55% rispetto alla sua precedente versione.

Per quanto riguarda un altro aspetto importante dell’hardware del nuovo top di gamma Meizu, è stato migliorato anche il tasto centrale mBack con il nuovo sensore di impronte ed introdotta la tecnologia 3D Press che alla pressione fornirà altre funzionalità. Meizu fornirà anche API per lo sviluppo di applicazioni di terze parti oltre ad un SDK apposito.

Meizu Pro 6

Si parla anche di software alla presentazione di Meizu e quindi di Flyme che ha subito un rinnovamento generale con 300 innovazioni e ottimizzazioni del sistema. E’ stata introdotto un nuovo sistema di sicurezza TEE oltre ad una trasmissione più rapida dei dati. Alcune app sono state completamente ridisegnate come l’app Note e l’introduzione del Game Center con il gioco, in esclusiva mondiale, di Evangelion anche se destinato esclusivamente al solo mercato cinese.

Nella conferenza stampa c’è spazio anche per Li Nan che parla di ecosostenibiltà con un occhio all’ambiente grazie al programma mCycle ed ai 15 milioni investiti per il riciclo degli smartphone. Per il mercato cinese saranno presenti anche altri servizi, come una SIM virtuale, i programmi VIP Assitence, M Support ed M arrive, tutti servizi per una maggiore qualità dei servizi di vendita e postvendita.

Veniamo infine alla parte più importante e quindi al prezzo del nuovo Meizu Pro 6 che per la versione standard è di 2499 Yuan pari a 340 al cambio e della versione da 64 GB che ha un costo di 2799 Yuan pari a 380 euro.

Che dite, il nuovo gioiellino di Meizu farà breccia nei vostri cuori fatti di chip e transistor?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *