La ricarica wireless a distanza per iPhone 7 presto potrebbe essere realtà

Recentemente vi abbiamo parlato molto di Apple soprattutto in merito alla possibilità di nuove tecnologie a bordo del suo prossimo smartphone: l’iPhone 7. Tanti brevetti e speculazioni su probabili sistemi audio, abbandono del canonico jack da 3.5 mm, display  3D olografici, doppie fotocamere e probabile ricarica wireless.

Proprio su quest’ultimo aspetto vorremmo soffermarci e secondo un rapporto pubblicato giusto questa mattina, una piccola start-up, la Energous, ha stretto una collaborazione con Apple per portare la sua tecnologia denominata ”WattUp” utilizzabile sui futuri iPhone. Secondo quanto riferito, Apple avrà i diritti esclusivi per tale tecnologia, che permetterà ai dispositivi di essere caricati in modalità wireless da distanze di circa 4 metri. Il chip di Energous viene implementato  all’interno di un dispositivo ed è talmente ridotto da non pregiudicare le dimensioni del telefono.

Il chip funziona con un trasmettitore che può essere posizionato in qualsiasi punto che non superi la copertura massima. Il chip WattUp presente all’interno del prossimo iPhone 7, quindi permetterebbe al telefono di ricaricarsi nell’arco della giornata, ad esempio al lavoro così come in casa. Se Apple infine otterrà veramente l’esclusiva per questa tecnologia, potrà anche costituire una fonte di entrate dovuta alle vendite di trasmettitori alle sue principali concorrenti.

Energous ha già annunciato per 2016 o il 2017 il lancio commerciale del suo chip. Se non sarà possibile a causa delle tempistiche, implementarlo sul prossimo iPhone 7, potremo sicuramente trovarcelo a bordo del prossimo iPhone 7s. La notizia in questione non è stata ufficializzata pubblicamente da entrambe le società ma è innegabile da quel che sembra che esista una relazione tra le due aziende, e trattandosi di Apple non può che essere un ”rapporto” esclusivo.

Louis Basenese del sito DisruptiveTechResearch è colui che ha diffuso la notizia e che avrebbe in mano alcune prove del coinvolgimento di Apple con Energous. All’inizio dello scorso anno, infatti, l’azienda Energous avrebbe firmato un patto con una società (senza rivelarne il nome) ma definita come una delle prime cinque aziende di elettronica consumer di tutto il mondo. L’analista in questione, per giungere al nome di Apple ha agito per esclusione, con una lista di cinque possibili candidate tra cui Samsung, HP, Microsoft e Hitachi ed appunto Apple.

Il ragionamento che ha portato ad arrivare all’azienda di Cupertino è spiegato dallo stesso Basenese:

“Da quella lista, si può facilmente eliminare HP e Hitachi, in quanto non fanno telefoni. Dal momento che Samsung produce i propri chip, sono evidentemente escluse dalla lista in questione; lista che va riducendosi alle sole Apple e Microsoft. Microsoft in realtà è l’unica azienda nel mercato della telefonia mobile che ha manifestato innumerevoli volte la volontà di uscirne, quindi resta una sola società. Naturalmente, l’identità rimarrà un mistero data la nota segretezza di Apple con i partner ed i dipendenti “.

Chi in definitiva riuscirà a spuntarla sulla tecnologia WhatUp potrà veramente contare su un progetto ambizioso ma di sicuro interesse commerciale che garantirà ancora un futuro roseo per l’azienda che la sfrutterà.

Vi invitiamo adesso a visionare un video demo della tecnologia in questione, sicuri che la notizia vi ha certamente incuriosito.

Via

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *