Presto un aggiornamento per iPhone 5S e successivi: addio al bug del 1 gennaio 1970

Si parla moltissimo da alcuni giorni a questa parte di un bug che avrebbe preso di mira i vari iPhone 5S, iPhone 6 e iPhone 6S. In verità si tratta di un’anomalia piuttosto bizzarra, se pensiamo che i modelli in questione risultano praticamente inutilizzabili nel caso in cui un utente imposti manualmente la data del dispositivo al 1 gennaio 1970.

Insomma, scenario praticamente impossibile, ma resta il fatto che una semplice operazione come quella descritta porti poi ad un problema di difficile risoluzione. Ecco perché Apple ha preso coscienza della faccenda ed ha annunciato ufficialmente il rilascio di un aggiornamento con il quale dovremmo metterci alle spalle qualsiasi tipo di problema sotto questo punto di vista. Qui di seguito quanto mi ha comunicato l’assistenza ufficiale del colosso americano:

“If you changed the date to May 1970 or earlier and can’t restart your iPhone, iPad, or iPod touch
Manually changing the date to May 1970 or earlier can prevent your iOS device from turning on after a restart.

An upcoming software update will prevent this issue from affecting iOS devices. If you have this issue, contact Apple Support”.

Insomma, a breve dovrebbe essere non più indispensabile recarsi presso un centro autorizzato per rendere nuovamente funzionanti gli iPhone 5S, iPhone 6 ed iPhone 6S, ma allo stesso tempo è utile prendere in esame anche un’altra strada che sembra aver risolto i problemi di coloro che sono incappati in questa anomalia. Ecco la procedura utile da seguire:

  1. Togliere la SIM dal dispositivo

  2. Attendere che la batteria si esaurisca del tutto

  3. Ricaricare e riavviare l’iPhone

  4. Ripristinare manualmente la data corretta

La speranza è che tra iter come quelli appena descritti e nuovi aggiornamenti software, i possessori di iPhone 5S, iPhone 6 e iPhone 6S possano archiviare una volta per tutte una questione fastidiosa.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *