Battery drain per l’LG G4? Spiegata la possibile causa

Periodo caldissimo quello che stanno vivendo tutti coloro che in questi mesi hanno deciso di acquistare un LG G4. Nel corso dell’ultimo fine settimana, infatti, il produttore corano ha dato il via ad una nuova ondata di aggiornamenti per il suo top di gamma e, grazie al firmware V20D, è ora possibile testare nuovamente Android MarshMallow.

Come sempre avviene in questi casi, però, non mancano coloro che lamentano un po’ di problemi, che naturalmente finiscono per investire anche la durata della batteria. Qual è la reale incidenza di MarshMallow sull’autonomia del dispositivo? Ad oggi è impossibile rispondere, ma ciò non toglie che sia interessante la replica da parte della divisione italiana di LG sotto questo punto di vista.

Il produttore ci ha così risposto privatamente quando abbiamo provato ad ottenere maggiori dettagli sulla faccenda:

“Ciao, grazie per averci contattato. A seguito dell’aggiornamento del G4 a Marshmallow un temporaneo consumo più rapido della batteria può essere normale. A causare l’anomalia sono le applicazioni scaricate che non sono ancora ottimizzate per Android 6.0.
Il fenomeno non si manifesterà più quando gli sviluppatori introdurranno un aggiornamento per rendere le app compatibili con la nuova versione.
Per controllare lo stato di aggiornamento delle applicazioni puoi entrare nel Play Sore, selezionare le 3 barre orizzontali in alto a sinistra, e, dal menu a tendina, sfiorare ‘Le mie App’.
Buona giornata”.

Staremo a vedere nei prossimi giorni quali saranno le ulteriori novità che giungeranno direttamente dai possessori di un LG G4, considerando che sempre più persone hanno lamentato problemi riguardanti la durata dello smartphone. Sarà davvero sufficiente un aggiornamento delle applicazioni e la loro relativa ottimizzazione nei confronti dell’aggiornamento del sistema operativo Android MarshMallow per assicurare una maggiore autonomia per l’LG G4? Solo il tempo saprà darci una risposta in questo senso, insieme a chi sviluppa le app.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *