Apple: ad ogni iPhone venduto, Ericsson guadagna

In seguito ad una disputa per quanto riguarda un brevetto conteso tra Apple ed Ericsson, per i prossimi 7 anni Apple darà una parte di profitto ad Ericsson ad ogni vendita di iPhone e di iPad.

Lo scorso Febbraio, Ericsson a presentato diversi reclami in molte giurisdizioni differenti come la International Trade Commission, la Corte Distrettuale degli Stati Uniti per il Distretto Orientale del Texas, la Corte Distrettuale degli Stati Uniti per il Distretto settentrionale della California; oltre a campi nel Regno Unito, Germania e Paesi Bassi per la violazioni di diversi brevetti. Per la precisione, la società svedese ha reclamato 41 brevetti a Apple per quanto riguarda la tecnologia GSM, UMTS ed LTE presenti negli iPhone e negli iPad.

ericsson-apple

Ericsson detiene oltre 35.000 brevetti inerenti alle tecnologie wireless e questo avvenimento era “prevedibile”, in quanto Apple non era intenzionata ad accettare alcuni termini previsti dagli accordi tra i due brand, accordi però fondamentali alle case produttrici per poter aver accesso all’utilizzo di quel determinato brevetto di cui l’azienda si interessa. Perciò, come previsto, Apple ha stipulato un accordo con l’azienda svedese per far cadere tutte le accuse fatte alla casa di Cupertino.

Secondo la fonte, Apple sta per effettuare un pagamento forfettario ad Ericsson per quanto riguarda quest’anno, e pagare attraverso un canone per i prossimi 6 anni. La somma che riceverà l’azienda non è ancora stata definita ma sicuramente si parlerà di un’ingente somma considerando la potenza che ha Apple sul mercato della telefonia.

Le vendite per quanto riguarda le licenze per Ericsson sono ammontate per questo 2015 ad una cifra che va dai 1,2 miliardi ai 1,6 miliardi di dollari, considerando anche la somma che la casa di Cupertino andrà a versare per conto loro, anche se le due società continueranno a collaborare in vista della nuova tecnologia del 5G per ottimizzare le reti dei prossimi dispositivi della mela morsicata.

via

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *