ColorOS 3.0 svelato da alcune immagini in anteprima

Nonostante Oppo stia lavorando su una versione AOSP dedicata ai suoi dispositivi, l’azienda Cinese non rinuncia al suo software proprietario e rilascia privatamente la nuova ColorOS 3.0 con un design più flat e basata su Android 5.1.1.

Qualche tempo fa siamo venuti a conoscenza che Oppo era intenzionata ad abbandonare il suo sistema operativo proprietario per puntare alle versioni AOSP di Android sui propri dispositivi, ma avrebbe prima rilasciato ColorOS 3.0 come ultimo aggiornamento dedicato ai suoi smartphone che ne erano dotati.

Poche ore fa sono state trapelate immagini in anteprima di un Oppo R7 Plus con a bordo la nuova ColorOS 3.0 in versione Alpha, dove si può evincere una netta somiglianza con l’interfaccia MIUI dei dispositivi Xiaomi, oltre che uno stile più flat e minimal come accennato prima.

Dalle immagini possiamo notare la nuova applicazione della fotocamera con un nuovo design ed il nuovo dialer telefonico con il riconoscimento delle chiamate. Del resto, l’interfaccia si presta a riprendere quella della precedente versione con qualche accorgimento sul design più flat, come la tendina dei toggle e l’applicazione musica. Per il momento, questa versione Alpha è dedicata solamente a sviluppatori interni ad Oppo, ma ci aspetteremo sicuramente una versione Beta dedicata a tutti quanti gli utenti che vorranno provare la nuova interfaccia della ColorOS 3.0, così da venire in contro ad Oppo nella messa a punto di qualche bug e malfunzionamento.

Mentre, una versione stabile di questa ROM la potremo vedere nel Q1 del 2016, forse insieme alle nuove AOSP su cui Oppo sta già lavorando da un mese per i suoi dispositivi, così da portare all’utente in maniera istantanea le nuove distribuzioni di Android senza dover personalizzare l’interfaccia. Ricordiamo che le ROM AOSP su cui Oppo sta lavorando sono basate su Android Marshmallow, quindi i detentori di uno smartphone Oppo potranno fare un sospiro di sollievo ed attendere con ansia il nuovo aggiornamento.

via

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *