HTC: Tutti gli aggiornamenti ad Android 6.0

Attraverso il famoso sviluppatore LlabTooFer, veniamo a conoscenza di una presunta tabella di marcia da parte dell’azienda taiwanese HTC per quanto riguarda gli aggiornamenti ad Android 6 Marshmallow.

HTC, come ci ha sempre abituati, è una delle poche aziende che tiene cura e precisione riguardo gli update software e firmware dei propri dispositivi. Infatti, l’azienda è stata una delle prime a mostrare al pubblico una prima tabella di marcia riguardo l’upgrade alla nuova versione di Android 6.0, già presente nel nuovo modello lanciato circa un mese fa che appartiene ad una piccola fetta di dispositivi già aggiornati.

Quest’oggi, attraverso il sito web del noto sviluppatore che è solito mostrare nuove notizie riguardante il mondo HTC, svela una presunta tabella di aggiornamenti che vede tutti i dispositivi del 2014 e del 2015 aggiornati alla nuova distribuzione di Android. 

Date aggiornamenti smartphone HTC

Tutti i dispositivi che verranno aggiornati presenteranno la nuova Sense 7.0 che caratterizza tutti i device dell’azienda, mentre le versioni dual-sim di alcuni modelli subiranno un ritardo di qualche mese rispetto ai modelli base. Inoltre, a differenza del primo piano di aggiornamenti, l’update per alcuni dispositivi è stato rinviato o addirittura annullato.

HTC One M7 perderà l’aggiornamento alla nuova versione anche se potranno essere aggiornamenti legati alla sicurezza, mentre One M9 ed M9+ riceveranno l’update ad Android 6 Marshmallow solamente nel Q1 del 2016, posticipando così la nuova versione e dotandoli per adesso solamente della nuova interfaccia Sense. Ottima, invece, la notizia secondo cui anche i mid-range di gamma avranno accesso all’aggiornamento, come la serie Desire e la serie Bufferfly. Sorpresa anche per il One M8 che dispone già del nuovo aggiornamento.

Nonostante la notizia sia stata riferita da una fonte altamente affidabile per quanto riguarda il panorama HTC, questa tabella di marcia è da prendere con le pinze fin quando l’azienda taiwanese non faccia il suo annuncio in maniera ufficiale.

fonte

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *