Mediatek MT6595 il primo vero Octa-core dell’azienda con Cortex-A17

MediaTek ha da poco annunciato l’arrivo del suo nuovo SoC MediaTek MT6595, un processore a 32 bit.

DSC00029-440x300

Si tratta di un “vero” processore Octa-core, con tanto di supporto alle reti 4G LTE. Vero perché permetterà di utilizzare tutti e gli otto core in contemporanea.

MediaTek MT6595 sfrutta la nuova architettura big.LITTLE di ARM proponendo quattro core Cortex-A17 che funzionano fino a un clock massimo di 2.5GHz e quattro core Cortex-A7 con clock a 1.7 GHz. L’architettura Cortex-A17 dovrebbe fornire un aumento delle prestazioni fino al 60 % in più rispetto alla vecchia architettura Cortex-A9 e un’efficienza di quaranta volte superiore al Cortex-A15. L’implementazione di MediaTek è fra le prime nel mercato consumer a supportare la tecnologia Heterogeneous Multi-Processing, ciò significa che tutti e gli otto core potranno essere a disposizione in caso di necessità e le funzioni basiche saranno lasciate a solo uno o due core.

Il nuovo processore permetterà a MediaTek di competere con Qualcomm e i suoi nuovi SoC Snapdragon 800 e 805. MediaTek ha anche chiamato in causa Samsung, dichiarando che la nuova soluzione (4x A17 E 4x A7) risulterà molto più potente rispetto gli Exynos della casa Coreana.

Sta di fatto che si tratta del primo chip di casa MediaTek con modulo LTE integrato e un decoder H.265 Ultra HD capace di gestire contenuti in 4K. Non mancano inoltre i supporti NFC e Bluetooth 4.0.

MediaTek MT6595 è pensato per essere introdotto all’interno di dispositivi di fascia media, in modo da offrire elevate prestazioni, basso consumo energetico e un prezzo estremamente concorrenziale per i produttori terzi. I primi dispositivi con questo chip dovrebbero arrivare sul mercato già nel secondo semestre del 2014 e non è da escludere la possibilità che a montarlo saranno proprio le grandi produttrici come Samsung, LG o Sony.

Chissà se l’azienda taiwanese ci delizierà con la sua nuova tecnologia già al prossimo MWC 2014 che inizierà il 24 febbraio.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *