Google annuncia YouTube Red e YouTube Music

L’azienda di Mountain View annuncia in maniera ufficiale i nuovi servizi legati a YouTube denominati YouTube Red e YouTube Music, servizi rispettivamente, legati ad uno streaming più completo di video e musica.

Con YouTube Red, l’esperienza del classico servizio di visione e condivisione di video è stato ulteriormente migliorato grazie alla possibilità di rimuovere banner pubblicitari, scaricare i video per poterli visionare offline ed eseguirli in background.

YouTube Red

Questo servizio andrà a pari passo con il nuovo YouTube Music, di cui Google ha già dato un assaggio nelle ultime versioni dell’applicazione YouTube per smartphone, nel quale verrà pubblicata sul Play Store un’applicazione dedicata collegata al proprio account Music Unlimited che vi sarà dato gratis se vi abbonerete al servizio di YouTube Red. 

Leggi anche:

 

Riguardo la disponibilità di entrambi i servizi; essi saranno messi in prova negli USA per un mese in maniera totalmente gratuita. Scaduto il mese di prova, l’utente dovrà sborsare 9,99 dollari al mese (supponiamo non ci sarà alcun cambio euro / dollaro per l’Europa n.d.r.) per avere sia il servizio di YouTube Red che quello di YouTube Music con annesso account Music Unlimited gratuito.

Considerando che sia incluso anche Music Unlimited alla tassa da pagare, potremmo dire che il prezzo non sia affatto esagerato ma bensì vantaggioso in quanto vi sono servizi come Spotify o Deezer che offrono solo lo streaming musicale a quella cifra, in confronto a Google che offrirà anche il nuovo YouTube Red.

Concludendo con ulteriori specifiche riguardo la disponibilità, YouTube Red e YouTube Music saranno lanciati inizialmente negli Stati Uniti il prossimo 28 Ottobre per poi estendere la disponibilità anche in Europa. Non sappiamo ancora se il periodo di prova per un mese sarà garantito anche per il nostro territorio ma possiamo ben sperare sulla “generosità” di Google.

Non ci resta che aspettare, a questo punto, i primi commenti ed opinioni americani su queste due nuove features “Made in Google”

via

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *