Che telefono comprare? Alla scoperta di Windows Phone [Editoriale parte 2]

Dopo aver dibattuto a lungo su iOS e Android nella prima parte di questo nostro editoriale che trovate qui: Che telefono comprare ? [Editoriale parte 1] proseguiamo ora andando ad analizzare pregi e difetti dell’ultimo concorrente in questa sfida che assolutamente sfida non è.

Questo perché non stiamo assolutamente cercando un vincitore, o come si diceva precedentemente il sistema “Uber Alles“, ma stiamo valutando insieme quali sono i pregi e difetti di ognuno rendendo cosi più facile la scelta al consumatore che si appresta ad acquistare un nuovo telefono. Quel consumatore che ha in mente un budget ben preciso e sa quali sono le sue abitudini d’uso reali.

Dopo aver visto pregi e difetti di Android ed iOS andiamo ora ad analizzare l’ultimo arrivato nel mondo degli smartphone, quel tanto snobbato quanto poco pubblicizzato Windows Phone, il sistema operativo proprietario di casa Microsoft.

Come dico sempre, la tecnologia non è una gara a chi ha il telefono più cool o che funziona meglio.

android-vs-ios-vs-windows

Di gente che usa l’iPhone solo per WhatsApp e Facebook il mondo è pieno. Stessa cosa di chi sbandiera la grande personalizzazione di Android e poi nemmeno cambia lo sfondo o la suoneria del proprio telefono.

Mi capita spesso di vedere persone su Android, iOS o Windows Phone che non ricordano nemmeno le password più basilari del proprio account, che non salvano la rubrica in cloud , che non configurano la propria casella mail o che non sanno fare la ricarica telefonica con un banalissimo account PostePay sul loro Galaxy S6 Edge.

Per non parlare di tutti quelli che non hanno idea di come configurare un iPhone alla prima accensione o non sanno che all’acquisto di un nuovo telefono, qualunque esso sia,“creare un nuovo account” non è una parte accessoria e futile.

Sono ovviamente gli stessi che poi perdono l’intera rubrica, foto, musica, calendario e documenti e si lamentano che è colpa del telefono.

 

Andiamo con ordine…

Chi segue questo mondo da qualche anno, ricorderà abbastanza nitidamente l’uscita dei primi Windows Phone. Il mondo degli smartphone era ancora abbastanza confuso, c’era ancora Symbian di Nokia e tanti altri sistemi proprietari decisamente dimenticabili che nascevano e sparivano di lì a poco, tra questi la versione “mobile” di Windows aveva già deluso parecchi utenti.

windows mobile 2005

In quegli anni, erano proprio Samsung ed LG a guardare e di buon occhio Windows, visto come il salvatore alla vendita dei propri telefoni cellulari.

Siamo nell’epoca d’oro di Apple, che in quegli anni guardava tutti dall’alto in basso con il suo iPhone 3G, anche se come narra la storia, di lì a poco anche qualcun’altro si sarebbe interessato al mondo dei software per telefonia. Stiamo parlando proprio di Google, con il suo progetto che puntava a creare un Os Java/Linux based, in seguito chiamato Android.

android prima build

Ora la storia sappiamo tutti com’è finita, o meglio, come si sta evolvendo… Android spaccherà il mercato diventando la piattaforma più usata in assoluto, seguita a ruota da iOS. Ma Windows? Che fine ha fatto in tutto questo?

 

Microsoft, ritardataria cronica:

Durante questo periodo eccezionale, dove dal brodo primordiale della telefonia si assistette alla nascita, crescita e morte di nuovi sistemi operativi mobile (parliamo degli anni 2000-2006), Microsoft decise inspiegabilmente di non mettersi ulteriormente in gioco – tratto distintivo della Microsoft dell’ultimo decennio – e restare a crogiolarsi ancora in quel brodo.

In quel di Redmond infatti decisero, dopo aver fatto uscire la prima versione di Windows Mobile, di cessare ogni altra idea esistente per lo sviluppo del proprio software su terze parti, e di concentrare tutti gli sforzi cosi facendo, vincolando di fatto, il proprio Windows Phone solo a precise caratteristiche Hardware e Software.

Questa fu probabilmente la scelta più sbagliata che Microsoft potesse fare in quegli anni

Cosi facendo infatti, obbligò tutti quei produttori che guardavano già con grande interesse al nuovo sistema operativo quali: Nokia, Samsung, LG, Htc e Sagem all’utilizzare hardware con caratteristiche precise, fissate in:

  • un’ottima fotocamera da almeno 8 megapixel (parliamo del 2005-2006)
  • un processore performante
  • un quantitativo base uniforme di Ram

L’idea iniziale nella visione di Microsoft era quella  di creare una base “omogenea”, potente abbastanza da rendere perfettamente gratificante l’esperienza d’uso su qualsiasi device che fosse equipaggiato con il suo nuovo sistema operativo Windows.

Ora sappiamo bene, come il mercato della telefonia non gradisca vincoli di alcun tipo, e soprattutto che la tecnologia in generale non è appetibile se non sforna innovazione alla portata di tutte le tasche.

Ecco che Windows Mobile fallì sotto ogni punto di vista…

Lasciando l’amaro in bocca con tanto di voltata di spalle ad opera di tutte le maggiori case produttrici di smartphone (Samsung ed LG in primis) che abbracciarono in toto la filosofia freeware e senza vincoli di Android, sicuramente la scelta migliore in quel periodo.

 

Microsoft però ci riprova e colpisce…

Dopo aver patito un forte flop commerciale anche in ambito Desktop con l’uscita nel 2006 di Windows Vista, ci riprova e sforna Windows 7 mobile (2010) un sistema mobile per molti aspetti innovativo e finalmente al passo con i tempi. Lo scopo era far dimenticare in fretta i precedenti tentativi fallimentari di introdursi nel mercato dei device mobili.

wp7

Parecchie persone si mostrarono interessate a questa novità, tanto da decidere di comprare un “Windows Phone”, orientandosi prevalentemente sui marchi “storici” del settore come Nokia (comprata poi da MS) ed HTC.

Ovviamente perso un treno difficilmente si riesce a prendere il secondo arrivando comunque puntuali, ed ecco che Android ed iOS avevano ormai conquistato l’ 80% del mercato e farsi spazio diventava un’impresa.

Impresa – a mio avviso – che in quegli anni, non era ancora impossibile.

Microsoft aveva dalla sua una base di investimento illimitato rispetto ai concorrenti e lo smartphone non era diventato ancora cosi radicato nell’uso quotidiano di ognuno di noi. Con un’intelligente campagna di marketing che ascoltasse realmente le necessità dell’utenza di quel periodo ed un uso sapiente di spot pubblicitari realizzati ad hoc l’impresa sarebbe stata possibile.

 

…Colpisce tutti, compresa se stessa

Siamo nel 2012 e Microsoft spinta dall’onda dell’entusiasmo, stupisce tutti annunciando e rendendo disponibile, di li a poco, una nuova versione del suo sistema operativo:

Arriva finalmente Windows 8.0 Mobile, questa volta ascolta realmente i suoi utenti e crea un sistema davvero valido, innovativo e ricercato, capace di competere davvero con i concorrenti sotto molti punti di vista: Sembrerebbe la mossa giusta!

killer windows phone

L’azienda si dimentica solo di un piccolo particolare di cui Apple ha invece saputo far tesoro negli anni, ovvero: trattare bene quei molti utenti che decidono di supportarti.

Infatti anche se il sistema non era dei migliori molti utenti avevano deciso di acquistare un Windows Phone 7 e di aiutarne la crescita e lo sviluppo. Windows Phone 8.0 infatti fa tesoro delle loro esperienze, è un sistema operativo nuovo, ancora più flessibile, ricco di nuove funzioni ed arricchito di tutte le piccole e grandi migliorie suggerite dagli utenti.

Tutto perfetto: non fosse per il fatto, che il sistema non è retro compatibile!

fantozzi-al-cinema

Avete capito bene, Microsoft ringrazia tutti gli utenti Windows Phone 7, lasciandoli con un terminale di colpo inutile, che non riceverà alcuna delle migliorie apportate dal nuovo sistema Windows 8.0.

Non solo, ma ricordo che terminali decisamente costosi – vedi i vari top di gamma che montavano Windows 7 – divennero di fatto terminali già morti a pochi mesi dall’uscita.

 

Ecco finalmente la svolta…

Il nuovo sistema operativo è effettivamente valido, anche i concorrenti lo ammettono, ma moltissimi utenti Windows Phone 7 rimasero comunque delusi e a dir poco in….fastiditi – per usare un eufemismo – e con il rammarico di Microsoft migrarono alla concorrenza senza pensarci due volte, con buona pace di Apple e Android che li aspettavano a braccia aperte.

tim-cook-apple-620xa

Questo non perché Windows non andasse bene come sistema operativo, era più che altro una reazione punitiva verso una compagnia che aveva deciso di voltare le spalle alla fiducia dei propri utenti, fiducia che nessuna azienda può permettersi di calpestare.

Sicuramente non è stato l’unico motivo dell’impopolarità, Windows è sempre arrivata dopo nella corsa al sistema operativo migliore, e sicuramente iOS e Android in quel periodo non erano superiori solo a livello software ma anche per supporto alle applicazioni.

 

Andiamo ad analizzare i pregi e i difetti di Windows Phone

Dopo questo lungo excursus sulla sua nascita, cosa rende Windows Phone cosi appetibile oggi? Cosa ha Windows Phone da dare all’utente che si avvicina per la prima volta?

Per prima cosa diciamo subito che Windows 8.1 nella sua ultima incarnazione e nel breve periodo Windows 10 Mobile, non hanno nulla da invidiare ai concorrenti e non hanno nemmeno nulla da spartire con i predecessori.

Windows Phone 8.1 risulta un sistema mobile molto più intuitivo di iOS e Android e molto più accessibile e pratico. Se qualcuno ha da ridire, vi invito a far prendere in mano un Windows Phone appena comprato da vostra nonna, senza spiegargli nulla e di fare la stessa cosa con un Android ed un iPhone.

Ovviamente questo si traduce in una maggior semplicità e chiarezza dovuta ad un interfaccia “Home” molto più pulita ed intuitiva e soprattutto ritagliata sulle esigenze del suo utilizzatoreIn Windows Phone posso evidenziare solo le App che mi interessano tralasciando tutte le altre in modo veloce ed intuitivo, escludendole alla vista.

Su iOS o Android devo per forza andare ad interagire con la schermata App trasportandole nel desktop o nascondendole alla vista, creando cartelle o eliminandole dalla Home; la funzione è la stessa ma risulta più macchinosa.

Inoltre le “Tiles” possono essere ingrandite e risultare ancora più accessibili rispetto alle icone normali tant’e’ che lo stesso Android ne ha preso spunto – ultimamente – creando la schermata Home semplificata.

android schermata home semplice

In Windows possiamo andare ovviamente ad interagire in maniera decisamente più profonda con la nostra schermata home, eccone un esempio per chi cerca la semplicità:

windows_phone_8x_by_htc_hands-on_sg_14

Mentre per tutti gli altri la schermata può tranquillamente essere questa:

Nokia-Lumia-930-Windows-Phone-Experience-jpg

Inoltre può sempre venirci in soccorso Cortana, comodo assistente virtuale pre-installato, richiamabile con il tasto della lente di ingrandimento sulla parte bassa del terminale. Cortana è pronta a selezionare per noi chi chiamare piuttosto che come impostare la sveglia o come cercare una determinata impostazione del telefono il tutto tramite comando vocale.

L’accessibilità di Windows Phone poi, è davvero ben strutturata, sicuramente al pari dei concorrenti.

Comodo il fatto di avere proprietà, impostazioni di applicazioni e telefono in pochissimi passaggi, funzionali anche gli “interruttori” di selezione. Nel citare i pregi, non possiamo fare una nota anche sulla tastiera sicuramente una tra quelle più comode e dal feeling più immediato. Provare per credere!

tastiera-wp8

 

Reattività senza compromessi

Altro punto a favore di Windows è l’elevata fluidità ed ottimizzazione del sistema che gli permette di girare in maniera ottimale su ogni hardware, ecco che diventa molto appetibile per tutti quegli utenti che cercano un terminale di fascia bassa (50-150 euro) dove Windows è sicuramente preferibile ad altri sistemi. 

Basta un dual-core con soli 512 MB di RAM per avere un sistema fluidissimo senza compromessi, anche mettendolo in paragone con la fascia più alta non noteremo nessuna differenza di navigazione.

Per tutti gli automobilisti poi, sappiate che Microsoft equipaggia tutti i suoi smartphone con Here Drive, eccellente navigatore funzionante anche in offline mode, davvero molto ben congegnato, totalmente gratuito e sempre aggiornato.

Altro punto a favore è l’ecosistema Microsoft che va da Office ad Outlook passando per Here transit, Lumia Camera, Lumia Car App, Lumia Storyteller, Lumia Selfie, Lumia Creative Studio, Lumia Cinemagraph, Lumia Panorama, Cortana, integrazione con Windows 10 e a breve Windows Continum ( che permetterò di usare il nostro smartphone come un PC con tanto di periferiche quali mouse e tastiera).

Ricordiamo prima di scatenare i fans, che Office è fortunatamente disponibile anche per Android e iOS.

 

Fotocamera e registrazione video: Il cavallo di battaglia di Windows

Per gli amanti della fotografia e dei video in alta qualità, un sistema da prendere sicuramente in considerazione è Windows Phone, soprattutto nelle versioni Lumia dove gli applicativi Nokia fanno la differenza.

Non solo le lenti Zeiss che hanno tutto un altro effetto sulla pulizia dell’immagine, ma le stesse fotocamere montate sui terminali di fascia media e alta sono davvero notevoli.

Non parlo del Lumia 1020 (41 MP) o del Lumia 930 che con i suoi 20 MP e registrazione video con 4 microfoni riesce a garantire un suono pulitissimo anche se state registrando il concerto dei Metallica, ma anche di fotocamere decisamente più ridimensionate come quella da 8 megapixel del Lumia 640 e del 925, quella da 10 megapixel dell’830 o da 13 megapixel del 640XL ad esempio, che permettono un livello di dettaglio e soprattutto una quantità di impostazioni manuali degne di uno studio fotografico.

Ecco un esempio VIDEO con Lumia 930:

 

Tutto oro quel che luccica?

Ovviamente come per gli altri due sistemi, abbiamo anche diversi aspetti negativi, primo su tutti la poca disponibilità dei produttori di applicazioni a supportare Windows Phone, ideologia che sta lentamente cambiando per nostra fortuna.

Lo dimostra anche il fatto che ormai tutte le principali applicazioni sono disponibili anche su Windows e lo Store ha raggiunto quota 600.000 applicativi.

Detto questo però, sono ancora troppe le applicazioni che non funzionano a dovere!

Se tutte le applicazioni più usate quali: Whatsapp, Telegram,Vine, Spotify, Mediaset Premium, Gmail, Runtastic, Premium Play, Facebook, Tripadvisor, Candy Crash Soda etc.. etc.. sono ottime e tranquillamente avvicinabili agli Store concorrenti, ci sono ancora diversi punti dolenti.

Primi su tutti Twitter ed Instagram che pur funzionando molto bene, non sono sicuramente al pari della concorrenza e soprattutto, nel caso di Instagram la versione Beta gira da oltre un anno.

Instagram-Beta-Windows-Phone-8-aggiornamento-marzo-2014

Molte applicazioni per smartwatch e droni non supportano ancora Windows, e soprattutto manca il supporto alle novità e a tutte quelle applicazioni del momento che spesso nascono ed escono per un sistema (Android o iOS) vengono subito sviluppate per la controparte, ma solo in un secondo momento arrivano su Windows Phone.

Badate bene non è un problema dovuto a Windows o ad una difficoltà di programmazione da parte degli sviluppatori, ma semplicemente ad un ideale nato negli anni (parlavamo della storia di Microsoft poco sopra) che ha reso tutti più restii nei confronti del sistema operativo, soprattutto pensandolo come un sistema di nicchia, quasi indie.

 

CONCLUSIONI: A chi è adatto?

Partiamo dicendo che Windows Phone o lo si odia o lo si ama, difficilmente chi utilizza Android o Apple se passando a Windows Phone non si trova a suo agio tenterà di capirlo dandogli un ulteriore chance. Il che è decisamente comprensibile, le “tiles” o piastrelle unite alla grafica molto pulita ed essenziale devono piacere altrimenti meglio migrare su altri lidi.

Sicuramente è indicato a tutti quegli utenti che vogliono un terminale valido anche sotto i 150 euro, a chi ama fare fotografie con lo smartphone e a tutti quegli utenti che con il telefono, in ambito Windows, ci lavorano.

L’integrazione delle applicazioni è davvero un punto forte, come detto prima il sistema social è immediato e avvicinabile a quello Android anche se da questo punto di vista, ci sono ancora molti margini di miglioramento.

La fluidità è il suo cavallo di battaglia e la grafica minimale il suo concept di nascita.

L’imminente Windows 10 Mobile darà una ventata di novità e freschezza al sistema apportando innumerevoli aggiunte mentre i nuovi terminali quali Lumia 950 porteranno nuova linfa nell’ecosistema Windows.

Apple loves Android

 

Ma alla fine chi ha vinto questo scontro?

La risposta la sapete già, nessuno dei tre e tutti e tre! Il sistema preferito da ognuno di noi è sicuramente anche quello che abbiamo deciso di supportare attualmente e ovviamente quello sul quale ci troviamo meglio.

A nessuno piacciono i FanBoy della mela, del robottino verde o della bandierina, perchè muovono solo sterili critiche senza apportare davvero argomentazioni valide e costruttive, per tutti gli altri si tratta solo di valutare, aprire la mente e provare, cercando tra i tre sistemi quello che più si adatta alle proprie esigenze senza scartarne a priori nessuno.

Oscar Wild diceva: “Solo gli stupidi non cambiano mai opinione.”

Ebbene si, non ci sentiamo di decretare un unico vincitore, qui in redazione come nel resto del mondo ognuno ha le proprie idee e il proprio sistema operativo preferito.

Ognuno di noi ha imparato ed è stato influenzato nell’usare uno piuttosto che l’altro e si sente di promuoverlo a priori, l’importante è non lasciarci accecare da chi si propone di essere il migliore ma di valutare costruttivamente e in maniera critica ognuno dei tre. 

Se devo concludere dando una mia personalissima e ininfluente opinione, ho potuto utilizzare tutti e tre i sistemi in modo ampio e continuo:

Ho visto la nascita di Android fino agli immensi progressi fatti oggi, allo sviluppo di iOS che nel tempo ha saputo ammantarsi di un aura di tendenza e classicità.

Infine ho visto Windows Phone fare scelte sbagliate, mancare di convinzione, tradire i suoi utenti e poi cercare, rimboccandosi le maniche, di riguadagnarsi il posto che gli spetta, quel treno perso alla nascita della telefonia smartphone e che oggi cerca disperatamente di raggiungere.

Ci riuscirà? lo sapremo tra qualche anno e in fondo…un po’ ci speriamo, speriamo che la “battaglia” al sistema operativo migliore sia solo agli inizi, una battaglia dove il reale vincitore siano sempre e solo gli utenti finali.

 

Suggerimenti, commenti, opinioni? non esitate a commentare qui sotto!