LeTV Le Max 2, un Flagship “dallo spazio” con 6 GB di Ram

Questa è una notizia che forse, più del solito, va presa con le molle perché le specifiche presunte del nuovo LeTV Le Max 2 sembrano surreali!

le_max

Vero è che il mondo della telefonia e della tecnologia in generale, si muove a passi davvero rapidi. Pensiamo ad esempio all’Asus Zenfone 2 con chipset Intel e ben 4 GB di RAM: fino a poco tempo fa sembrava essere una cosa impensabile.

Ora come ora possiamo anche affermare che 4 GB di RAM in uno smartphone non fanno più notizia, o perlomeno, non sorprendono eccessivamente (pur lasciando l’utente piacevolmente soddisfatto).

 

Ma questo device pare non volersi accontentare. Infatti, il LeTV Le Max 2 sfoggerebbe addirittura 6 GB di RAM, composti da 4 moduli da 1,5 GB prodotti da Samsung.

Ovviamente non finisce qui perché il fattore RAM sembrerebbe essere solo un assaggio. LeTV Le Max 2 includerebbe tra le sue caratteristiche, anche:

  • un processore Snapdragon 820  
  • uno schermo da 5,7 pollici QHD
  • una data di uscita prevista per la fine dell’anno

Interessanti, poi, le specifiche della fotocamera. Quelle trapelate difficilmente potrebbero lasciare indifferenti! Ci troveremmo davanti ad una fotocamera principale da 23 megapixel Sony IMX300 con velocità di autofocus di 0,1 secondi, registrazione video in 4K a 24fps e un’apertura f 2.0.

Sicuramente non si tratta di un telefono compatto perché 5,7 pollici non sono certo pochi, ma considerando tutto ciò che si può fare e realizzare grazie a questi gioiellini di tecnologia, forse un display così ampio potrebbe avere i suoi vantaggi, anche rispetto ai precedenti modelli.

 

La sua uscita, prevista per fine anno, ovviamente riguarda il suo mercato, ossia quello asiatico e non sono trapelate informazioni relativamente ad una sua eventuale commercializzazione in Europa. Stesso dicasi per il prezzo che ancora è lasciato all’immaginario comune.

E voi cosa ne pensate, quanto potrebbe costare questo nuovo Flagship? Ma soprattutto, 6 GB di RAM in uno smartphone, seppur non indispensabili (almeno nel 2015), potrebbero davvero essere utili Fatecelo sapere nei commenti.

Via

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *