OnePlus 2: la nostra recensione con opinioni e caratteristiche [Video]

OnePlus è un produttore che l’anno scorso ha sfondato il mercato degli smartphone grazie al OnePlus One. Impresa che ha provato a rifare anche quest’anno con il “Two”, che abbiamo avuto la possibilità di provare grazie a GrossoShop.net in cui nella nostra recensione completa vi riportiamo i pregi e difetti di questo “flagship killer“.

OnePlus 2 (2)

 

Video-Recensione

 

Unboxing e Confezione

La confezione è molto ben realizzata sia per quanto riguarda le dimensioni sia per quanto riguarda il design minimale contraddistinto dal tipico color rosso di OnePlus. Al suo interno troveremo, oltre al device stesso, il cavo USB Type-C, l’alimentatore – le cuffie che non sono comprese in questo sample – e le solite “scartofie”.

OnePlus 2 (1)

Anche il cavo e l’alimentatore stesso hanno un design davvero particolare che li contraddistingue, bisogna comunque fare un appunto sul fatto che essendo questo OPT di import cinese la presa non sarà quella europea, ma lo store ovviamente fornisce un adattatore, che tuttavia rovina il design (se vogliamo proprio essere pignoli).

 

Design e Costruzione

L’azienda cinese con questo secondo modello ha davvero dato del suo meglio per quanto riguarda il design che risulta davvero molto elegante e minimale. Ciò è merito del bellissimo frame in metallo che circonda tutto il OnePlus, ma anche della parte frontale protetta dal vetro Gorilla Glass 4, dove troviamo i tre tasti di sistema ben realizzati.

Degno di nota è anche lo switch laterale dedito ai profili di notifica, finora visto solo su iPhone, molto solido e molto comodo nell’utilizzo quotidiano.

Altresì la parte posteriore ha molto da dire grazie alla possibilità di cambiare la cover posteriore, che rende questo smartphone piuttosto personalizzabile. Un appunto lo dobbiamo fare alla posizione troppo centrata della fotocamera che non ci è piaciuta sia sul lato estetico si perché rende impossibile l’utilizzo di lenti esterne.

Generalmente il design è molto piacevole e la costruzione davvero solida nonostante la possibilità di rimuovere e sostituire la cover.

Specifiche tecniche del device
Display IPS da 5,5” con risoluzione fullHD (1920x1080 pixel)
Processore  Qualcomm Snapdragon 810 (Quad-core 1.5 GHz Cortex-A53 + Quad-core 1.8 GHz Cortex-A57)
GPU Adreno 430
RAM 4 GB
Fotocamera posteriore 13 megapixel con risoluzione di 4128 x 3096 pixel con doppio flashLED e messa a fuoco Laser
Fotocamera anteriore 5 megapixel
Memoria interna 64GB (massima) non espandibile
Batteria 3300 mAh
Dual SIM SI
Supporto a NFC non presente
Sistema operativo OxygenOS basato su Android 5.1 Lollipop
Dimensioni 151.8 x 74.9 x 9.85 mm
Peso 175 grammi
Altro ---

 

Software

A bordo del OnePlus 2 troviamo la OxygenOS basata su Android 5.1 Lollipop che lascia l’esperienza Android “molto stock” aggiungendo solo piccole personalizzazioni che rendono l’utilizzo più completo. Si intende la possibilità di attivare una modalità dark che cambierà i colori dell’interfaccia e di altre opzioni interessanti di cui ora vi parleremo.

OnePlus 2 (3)

Partiamo dalla possibilità di scegliere di utilizzare i tasti a schermo o quelli soft touch, aggiungendo poi a quest’ultimi azioni programmabili a seconda della pressione prolungata o del doppio tap. Funzione molto interessante in quanto va a migliorare l’usabilità ad una mano di questo dispositivo.

Degno di un focus è il tasto home capacitivo che integra al suo interno il lettore di impronte digitali, lettore che funziona davvero bene, mentre delude il fatto che il tastino non si possa cliccare realmente. Anche il fatto che sia capacitivo e non soft touch implica di dover premere fortemente su di esso e per questo a volte ci sembrerà lento nella risposta.

Molto bello anche il Shelf di OnePlus, che come aspetto è molto simile a Google Now, ma di fatto raccoglie le nostre app più usate e i contatti più chiamati, permettendoci poi di aggiungere widget in modo ordinato senza invadere la home.

Sono solo due le cose che non mi sono per niente piaciute sul lato software, una prettamente legata ad OnePlus 2, mentre l’altra valida soltanto per la sua versione cinese.

La prima è la presenza di poche gesture a schermo spento che invece sono presenti in quantità industriali su altri smartphone cinesi anche di prezzo molto inferiore, mentre la seconda è la presenza di molte applicazioni spazzatura già installate all’avvio e che non potranno essere disinstallate ma solo bloccate.

Parlo di applicazioni che permettono di allungare la vita della batteria e bla bla, ma che in realtà sono più che inutili e spammose, insomma le tipiche applicazioni che potreste installare per sbaglio premendo su una pubblicità.

Queste piccole pecche non influiscono comunque sulla fluidità generale del sistema che rimane sempre ai massimi livelli; insomma parliamo di prestazioni da vero top di gamma.

 

Batteria

L’autonomia di questo device è stata davvero la parte che ci ha più deluso di questo OnePlus 2 che si pone come “FlagshipKiller”, in media abbiamo ottenuto valori sempre inferiori a 4 ore di schermo attivo, tenendo disattivata la geolocalizzazione. Insomma non si tratta di risultati pessimi ma comunque non degni di una batteria così capiente. Siamo comunque sicuri che la situazione possa migliorare grazie a futuri aggiornamenti da parte di OnePlus.

 

Multimedialità

Il display del OnePlus 2 è davvero un ottimo pannello ed è l’ennesima conferma che su queste diagonali basta e avanza un fullHD, ottima la sua luminosità in ogni condizione anche sotto la luce diretta del sole.

Mi ha davvero stupito il reparto audio di questo OPT che si è rivelato davvero molto potente e fedele anche anche ai volumi più alti, purtroppo come nella maggior parte dei casi parliamo di un audio di tipo mono. Molto buono è anche l’audio della capsula durante le chiamate.

Con tali specifiche tecniche è inutile dire che anche il reparto gaming è ad ottimi livelli, tutti i giochi più pesanti sono retti senza alcuna esitazione al massimo del dettaglio. Va sfatato, in questo caso, il mito delle alte temperature dello Snapdragon 810, che grazie all’ottimizzazione da parte di OnePlus non raggiunge mai temperature eccessivamente elevate.

Per quanto riguarda la fotocamera possiamo dirvi che realizza davvero ottimi scatti in quasi tutte le occasioni perdendo qualità quando si va a scattare in presenza di poca luce, ma niente male è così per il 97% degli smartphone. Mini-galleria qui sotto:

Mi ha un po’ deluso la mancanza della modalità manuale di scatto che sarebbe stata più che gradita, tuttavia potrete ottenerla grazie ad applicazioni di terze parti.

Dall’altra parte mi ha invece stupito la presenza di una modalità time-laps che finora non avevamo mai visto su un altro device Android. Discreta anche la fotocamera frontale per i vostri selfie, ma abbiamo notato molto rumore quando ci troviamo in presenza di poca luce.

 

Conclusioni

Per concludere posso dirvi per l’OnePlus 2 è davvero un ottimo device su quasi tutti i punti di vista, purtroppo è quel quasi che lo rende si un buon top di gamma, ma non un Flagship Killer.

Tuttavia consiglio questo dispositivo a tutti coloro che amano Android Stock, il modding e prestazioni elevate ad un buon prezzo.

Il prezzo di tale dispositivo si aggira intorno ai 370 euro per la versione da 16 GB | 3 GB di RAM e 399 euro per la versione da 64 GB | 4 GB di RAM acquistabili dall’affidabilissimo Store online Grossoshop.net tramite i link qui sotto:

OnePlus 2 (64 GB) | | 4 GB RAM | Spedizione Europa

OnePlus 2 (16 GB) | 3 GB RAM

OnePlus 2 (64 GB) | 4 GB RAM

Articolo scritto e redatto da Andriy Chovgan