Android M potrà salvarvi la vita in caso di incidenti!

Le prime preview di Android M sono state rilasciate e immediatamente appassionati, blog, siti si sono messi al lavoro per provarle e per essere i primi e i più completi ad illustrarle al loro pubblico e non.

Per quanto riguarda l’interfaccia è rimasta piuttosto invariata rispetto alla versione precedente 5.1.1 ma si è arricchita dal punto di vista delle funzioni che ormai, sono sicuro, avrete imparato a memoria per quante volte sono state protagoniste di accese discussioni.

 

Nessuno però, o quasi, è a conoscenza di una funzione nativa nel dialer telefonico disponibile proprio dalle prime preview. Digitando sul tastierino il numero di emergenza (9-1-1 USA), verrà automaticamente spedita al servizio la nostra posizione così da facilitare ai soccorso il compito di trovarci.

E’ sicuramente molto comodo in quanto, quando succede un determinato incidente, si è davvero nervosi e quindi incapaci di dare accurate indicazioni sull’accaduto e sulla esatta posizione.

Questa funzione, inoltre, vi farà conoscere anche con quale “centro” state parlando che sicuramente, grazie alla localizzazione GPS, sarà tra i centri più vicini a voi, se non il più vicino.

Numero di emergenza

Quella indicata nello screen qui sopra è l’interfaccia dell’ “operazione” ma è bene aspettare l’uscita ufficiale di Android Marshmallow 6.0 per vederla al completo.

L’immagine è stata catturata in Pakistan (il cui numero di emergenza è 5-1-1) ed il servizio è disponibile già negli Stati Uniti e quindi, presto, Google potrebbe rendere accessibile questa funzione a tutti i paesi.

Probabilmente, dato che per ora solo il dialer stock può vantare di questa possibilità , installandone uno di terze parti potreste perderla quindi cercate di fare attenzione.

E’ bene ricordare che lo screenshot dell’articolo è stato effettuato in un reale momento di emergenza ed è quindi bene non effettuare una chiamata al numero di soccorso solo per toccare con mano questa funzione ma sappiate che è disponibile già da adesso e che può rappresentare davvero la salvezza in casi estremi!

via

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *