Visitare le Galapagos con Google Maps si può! Ecco come fare

Come ben saprete, il servizio di Google Maps noto come Street View è in grado di farci effettuare tour di posti situati a migliaia di chilometri da noi. Certo, visitare le Galapagos era forse l’ultima delle nostre aspettative…

galapagos

Ebbene sì, continuano gli sforzi del gigante della ricerca per farci esplorare il mondo attraverso il display del nostro smartphone, o il monitor del nostro computer: il famoso servizio di Google Maps, chiamato Street View, dispone di foto reali e negli anni ha raggiunto le Piramidi d’Egitto, l’Etna, il famoso Loch Ness, nonché il Nepal e il CERN sino a giungere oggi anche nelle Galapagos.

Le isole note soprattutto per le esplorazioni compiute dal biologo inglese Charles Darwin, sono ora infatti ammirabili in tutto il loro splendore. Questo habitat, naturale e incontaminato, è sede delle famose tartarughe giganti, come di altri animali divenuti ora comodamente osservabili dal salotto di casa nostra.

Google-Galapagos2

L’esplorazione non si ferma alla sola terra ferma, poiché grazie agli strumenti di ultima generazione Street View ha raggiunto anche i fondali: potrete tuffarvi nuotando in compagnia dei favolosi leoni marini, nonché contemplare la flora marina che prolifera senza interventi umani.

Come se le immagini non bastassero, Google Maps ci regala un descrizione, ovviamente in lingua inglese, di ciò che vediamo riprodotto sullo schermo: si tratta di brevi testi che accompagnano le fotosferiche, e rendono l’esperienza ancora più realistica.

Per iniziare il tour vi basterà cliccare il link sottostane da qualunque browser, sia da computer che da smartphone o tablet.

 

E’ ovvio che nulla potrà mai essere paragonato ad una vera vacanza nel medesimo luogo: gli odori, i suoni e le percezioni sensoriali non possono essere riprodotte digitalmente.

Se da un lato questo potrebbe deludere alcuni utenti, dall’altro ne rende felici altri: immaginate se un giorni non fosse più necessario recarsi fisicamente in un luogo per visitarlo ma bastasse semplicemente indossare una tuta e un visore; sareste mai felici di farlo?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *