Il Samsung K9 Thunder e l’SGR-A1 non sono ciò che pensate!

La maggior parte di noi conosce Samsung come la fautrice di alcuni tra i migliori smartphone in commercio e, più in generale, l’azienda è nota nell’elettronica di consumo grazie ai suoi prodotti di ottima manifattura. Non importa che siate in cucina, in camera, nel salotto di casa vostra o di quello dei vostri amici: tutti hanno (o hanno avuto in passato) almeno un device Samsung.

Samsung-Galaxy-Note5 (1)

Sono in pochi (perlomeno sin’ora) quelli che, invece, conoscono l’azienda sud coreana attraverso prodotti… come dire… difficilmente acquistabili. Non si tratta di smartphone super compatti dal costo esorbitante, bensì dei dispositivi provenienti dal reparto sorveglianza, di quello specializzato nell’aeronautica, optoelettronica, automazioni, senza contare poi la società di tecnologia delle armi (tale Techwin), firmata ovviamente Samsung.

La storia di Techwin ha radici pacifiche: la società iniziò nel 1979 producendo telecamere, ma nel 1987, qualcosa cambiò.

I dirigenti optarono verso un settore dell’economia da cui speravano di ricavare introiti maggiori. Fu così che dal 1979, Techwin iniziò a produrre elicotteri, motori a reazione e artiglieria mobile per conto dell’esercito coreano. Nel frattempo la produzione di telecamere continuò e nel 1997 Samsung annunciò la KENOX. Questo non rallentò però la filiale nella produzione del primo jet da combattimento coreano, il KF-16.

Alla fine del secolo, Samsung consegnò la propria divisione nelle mani della Korea Aerospace Industries, concentrandosi esclusivamente nella produzione di telecamere, fatta eccezione per il K9 Thunder.

Cos’è? Sicuramente non è uno smartphone tranquilli! Si tratta del mastodontico carrarmato raffigurato nell’immagine sottostante, in grado di sparare proiettili da ben 155 mm ad alto potenziale esplosivo nonché anti-fanteria sino a 25 miglia, o se preferite 40 km di distanza.

samsung-k9-tank (1)

Solitamente questo veicolo, come se la sua potenza distruttiva non fosse sufficiente, viaggia in tandem con il K10 Ammunition Resupply Vehicle (ARV)

K10_ARV

Il fiore all’occhiello di Samsung Techwin non è però quel veicolo, quanto piuttosto il robot sentinella SGR-A1. E’ stato appositamente progettato per sostituire i soldati umani nella zona demilitarizzata tra i confini della Corea nel Nord e della Corea del Sud.

Questa mitragliatrice robotizzata è in grado di identificare e sparare ad un obbiettivo posto ad una distanza massima di 2 miglia, o 3,2 km, sfruttando una serie di sensori ottici nonché infrarossi.

Samsung-SGR-A1-sentry-robot

La scheda tecnica del SGR-A1 include poi un sistema di microfoni e altoparlanti per poter immettere vocalmente la password e accedere a una determinata area senza essere polverizzati: in caso di risposta errata, suonerà un allarme e sarebbe meglio non essere nel range d’azione della mitragliatrice girevole incorporata.

Prima che Samsung vendesse la sua quota di partecipazione in Techwin, nel mese di dicembre (2014), Techwin è riuscita a produrle nei suoi 38 anni di onorata carriera: sistemi a circuito chiuso (CCTV), turbine a gas, motori per elicotteri, artiglierie semoventi e molto altro.

Siamo qui anche per tranquillizzare gli utenti dato che, sino al momento in cui Techwin non sarà riacquistata da Samusng, l’azienda sud coreana famosa in occidente per l’elettronica di consumo, non produce più armamenti!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *