Samsung Galaxy S3 per te gli aggiornamenti finiscono qui: ma sei davvero così vecchio?

428436Qual’è il miglior modo che una grande azienda ha per pubblicizzare un nuovo modello e spingere gli acquirenti a passare dal vecchio top di gamma al nuovo gioiellino?!

Se avete risposto che bastano delle specifiche tecniche degne di nota, features hardware e software mai viste prima, o semplicemente copiare le idee dei competitor (cercando di migliorarle magari!) ricoprendo di pubblicità ogni angolo del pianeta credo che siate fuori strada.

Il modo migliore per convincere il possessore di un vecchio top di gamma a passare al modello corrente è quello di negargli gli aggiornamenti alle nuove release dell’OS.

E se LG e HTC hanno pagato il prezzo di queste scelte (a mio avviso assolutamente suicide) perdendo la fedeltà dei clienti che sceglievano tali marchi per l’alta qualità dei prodotti e le innovazioni introdotte, sembra che Samsung non sia ancora stanca di perdere clientela con questo subdolo giochino.

La notizia sta facendo il giro del web: Samsung ha ufficializzato lo stop al supporto software per il Galaxy S3 ed S3 Mini, o meglio non saranno effettuati gli upgrade alla nuova versione di Android KitKat.

Un fulmine a ciel sereno che colpisce i possessori di entrambi i terminali, probabilmente tra i più apprezzati dell’intera gamma Galaxy e quelli che personalmente ho amato anche a livello estetico, il licenziamento di questa settimana del capo design del reparto mobile di Samsung non è indice di una buona risposta del pubblico al design del Galaxy S5 infatti.

Samsung-Galaxy-S3-HD-WallpaperProviamo a questo punto ad analizzare i fatti per capire se dietro c’è davvero una limitazione tecnica che impedisce a Samsung di portare avanti lo sviluppo del terminale che l’azienda denominava “designed for humans”.

Al lancio di KitKat Google ha indicato come il sistema fosse stato pensato anche per terminali dalle prestazioni limitate, questo per ridurre la frammentazione del mondo Android, vero tallone d’Achille del sistema di Mountain View. I vantaggi del nuovo OS sono infatti la piena compatibilità con terminali che hanno “solo” 512Mb di Ram, CPU dual core meno brillanti dei top di gamma per un utilizzo ridotto del 16% rispetto a quanto richiesto dal vecchio Jelly Bean.

Un vero miracolo per tutti quei terminali nati con Jelly Bean ma che già sembravano affaticati dopo un minimo di utilizzo (l’S3 Mini non ha mai brillato quanto a prestazioni ad esempio).

In questi mesi abbiamo visto il lancio di terminali dalle prestazioni non eccellenti per cui è già stato avviato il processo di aggiornamento a KitKat o sarà avviato nel prossimo futuro: pensiamo ad esempio al Sony E1 di cui vi ricordo alcune caratteristiche:

  • Cpu dual-core Cortex A7 1.2 ghz
  • 512 mb di RAM

oppure alla gamma LG di fascia bassa di cui l’L40, nonostante le prestazioni, sia già dotato di Android 4.4:

  • CPU dual core da 1.2 GHz
  • 512 MB di RAM

Samsung Galaxy S3 è dotato invece di:

  • CPU Exynos 4 Quad-Core 1.4 GHz
  •  1Gb di RAM

Sembrano allora una beffa le parole del comunicato di Samsung che lo identifica come “terminale dall’hardware limitato che non permette di supportare l’aggiornamento del sistema al fine di garantire la migliore esperienza per gli utenti”:

In order to facilitate an effective upgrade on the Google platform, various hardware performances such as the memory (RAM, ROM, etc.), multi-tasking capabilities, and display must meet certain technical expectations. The Galaxy S3 and S3 mini 3G versions come equipped with 1GB RAM, which does not allow them to effectively support the platform upgrade. As a result of the Galaxy S3 and S3 mini 3G versions’ hardware limitation, they cannot effectively support the platform upgrade while continuing to provide the best consumer experience. Samsung has decided not to roll-out the KitKat upgrade to Galaxy S3 and S3 mini 3G versions, and the KitKat upgrade will be available to the Galaxy S3 LTE version as the device’s 2GB RAM is enough to support the platform upgrade.

L'originale interfaccia Touchwiz del Galaxy S3
L’originale interfaccia Touchwiz del Galaxy S3

Sicuramente si fa riferimento all’interfaccia Touchwiz la quale letteralmente “succhia via” la maggior parte delle prestazioni dei terminali Samsung, ma la mia domanda è se sia davvero necessario vietare a terminali venduti meno di due anni fa a 700€ l’accesso ai miglioramenti del sistema operativo solo perchè non sono in grado di supportare delle ridicole animazioni che niente di concreto portano alla reale esperienza degli utenti? Non sarebbe stato più utile snellire la Touchwiz eliminando i fronzoli ma continuare a supportare l’S3 che ha contribuito ad arricchire e far crescere la Samsung che conosciamo oggi?

A mio avviso credo che a nulla servano le battaglie legali e le vittorie in tribunale se poi i coreani a maggio 2014 abbandonano a se stesso un terminale presentato il 3 maggio 2012 e venduto a peso d’oro, mentre i loro più acerrimi nemici della mela morsicata hanno ringiovanito e supportato fino ad oggi il glorioso (quanto a longevità e vendite) iPhone 4 presentato il 7 giugno 2010.

Non c’è da stupirsi allora se Apple sia una delle poche aziende in grado di creare un vero e proprio legame di fedeltà coi propri clienti anche grazie al lunghissimo supporto che riservano ai propri prodotti, e i dati di vendita dimostrano come nonostante la longevità dei terminali le vendite dei nuovi modelli sia in costante aumento e garantisca introiti sempre maggiori alla società.

Non basta segare le gambe a un terminale per spingere gli utenti a comprare il modello nuovo e probabilmente prima o poi Samsung pagherà a caro prezzo questa sua scelta.