Microsoft: Perdite miliardarie per il colosso di Redmond nel settore telefonia

È per certi versi inaspettato l’annuncio di Microsoft, l’azienda di Redmond ha effettuato più di 7800 licenziamenti nel settore telefonia, un duro colpo per l’azienda, discostante dal trend degli ultimi modelli Windows Phone usciti, valutati molto positivamente sia dalla critica di settore che dagli utenti.

Evidentemente il problema non sta nella qualità ma nelle risorse investite in questo settore e nei volumi di vendita aspettati, che seppur buoni sotto molti punti di vista con un notevole incremento di sistemi Windows Phone sul mercato, non bastano a risanare il bilancio dell’azienda.

Windows 10 Lumia

Dobbiamo tener presente che l’acquisto della divisione Devices & Services di Nokia, è costata al colosso del mondo PC, ben 5.44 miliardi di euro, e probabilmente non ha dato i frutti sperati in termini di volumi di vendita, cosi Microsoft ha dovuto annunciato ben 7.800 licenziamenti in tale settore.

A quanto pare, la divisione mobile ha causato perdite miliardarie all’azienda statunitense, che si trova costretta a ristrutturare la relativa sezione hardware.

Windows-store

Il CEO di Microsoft Satya Nadella ha dichiarato:

L’azienda registrerà una svalutazione di circa 7,6 miliardi di dollari legati alle attività connesse con l’acquisizione di Nokia Devices and Services (NDS) oltre a costi di ristrutturazione tra 750 e 850 milioni dollari. Stiamo passando da una strategia di crescita del solo business dei telefoni a una strategia per crescere e creare un vibrante ecosistema Windows composto dalla famiglia dei nostri dispositivi.

Ha poi aggiunto:

Nel breve termine avremo un portfolio di telefoni migliore e più focalizzato, ma manterremo la capacità di reinventare il settore sul lungo termine. Non prendo con leggerezza cambiamenti di questo genere, dato che influenzano la vita delle persone che hanno avuto un impatto in Microsoft. Siamo impegnati ad aiutare i membri del team in questa transizione.

Questo ci fa capire come non sia assolutamente nei piani di Microsoft una perdita di interesse ed investimenti verso questo settore, si cerca invece di riallocare al meglio le risorse per creare un ecosistema Windows più funzionale e “d’elite” con un minor numero di dispositivi volti a garantire il meglio in ogni fascia di prezzo.

È un po’ il trend che sta seguendo Samsung, che ha da poco rinunciato a produrre innumerevoli dispositivi simili per riempire tutte le possibili fasce di mercato ma si è invece focalizzata su un minor numero di prodotti di maggior qualità.

windowsphoneappstore

Nadella ha infatti proseguito:

Nel breve termine avremo un portfolio di telefoni più efficace, con prodotti migliori e una velocità maggiore di arrivo sul mercato, grazie al Windows and Devices Group di recente formazione.

Abbiamo in programma di focalizzare la nostra attenzione su tre segmenti di clienti in cui possiamo dare un contributo unico e differenziarci grazie alla combinazione di hardware e software.

Sicuramente il colpo per i 7800 dipendenti è stato forte, anche se dal punto di vista aziendale non possiamo che concordare con Microsoft riguardo il voler utilizzare le risorse in maniera più efficace, d’altro canto il colosso di Redmond non è famoso per la velocità con cui sforna nuovi dispositivi, con il Lumia 940 che ancora latita al banco prova e il Lumia 1020 ormai abbandonato a se stesso. 

Forse questa è la svolta buona che permetterà, dopo il promettente Windows 10 e Windows 10 Mobile di imminente uscita, di far fare a Microsoft il passo definitivo verso il mondo Mobile.

Colmare l’ormai sottile “gap” rimanente con le aziende concorrenti ed andare ad accaparrarsi una fetta di mercato decisamente più consistente devono essere le priorità della nuova divisione Telefonia di Microsoft, priorità raggiunte tramite una miglior pianificazione e un maggior consapevolezza dei terminali prodotti.

Cosa ne pensate delle dichiarazioni del CEO di Microsoft? Siete in linea con la sua idea di innovazione?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *