Novità sul futuro di Android 4.5, tasti di navigazione e molto altro

Ultimamente sembra proprio che Google, voglia creare una distinzione fra gli smartphone che montano Android Stock e quelli che montano interfacce personalizzate delle varie case produttrici (Samsung ,HTC ecc..). Per attuare tutto ciò Big G starebbe pensando di offrire agli utenti possessori di Nexus o dispositivi Google Play Edition un’ esperienza utente molto più completa e differente rispetto i restanti dispositivi Android.

Secondo vari rumors pubblicati da Android Police (che come sappiamo non è sempre sicura al 100%), Google sta testando un nuovo metodo di integrazione tra le Google Apps e la ricerca vocale su Android.

Big G aspira a raggiungere la possibilità di far eseguire al sistema operativo una serie di azioni tramite il comando vocale, pronunciando la hotword “Ok Google” quando si è nelle Google Apps.

google-now-android-jelly-beanPronunciando la suddetta hotword in un’ applicazione Google si potranno far intraprendere al sistema una serie di azioni dedicate all’applicazione stessa. Facciamo un esempio: se apriamo l’app fotocamera e pronunciamo “Ok Google “, il sistema si metterà in attesa di una nostra pronuncia di un’ azione relativa alla stessa app, come per esempio ” Elimina” o “Condividi”.

Android dovrebbe essere dotato di azioni modulari, ciò significa che si potrà usufruire all’occorrenza di alcuni campi(moduli). Facciamo un esempio: quando inviamo una mail bisogna compilare alcuni campi come destinatario, oggetto ed il messaggio vero e proprio; ognuno di questi campi verrà visto dal sistema come un modulo e potrà essere utilizzato qualora ce ne fosse bisogno.

Passiamo ora all’altra grande novità del futuro Android, ossia la nuova barra di navigazione.

nexusae0_image_thumb48Come notiamo dall’immagine in alto la barra risulta diversa esteticamente rispetto a quella attuale, infatti questa nuova barra offrirà varie funzionalità nel pulsante “Google” che ha sostituito il vecchio “Home”, il tasto “recenti” pur restando simile al predecessore permetterà nuove funzionalità.

Il tasto centrale, ossia il tasto “Google”, non ci porterà alla home del nostro smartphone come il suo predecessore, bensì il suo utilizzo varia a seconda di cosa desideriamo fare. Ad esempio, nel visualizzare un’ immagine, premendo il tasto “Google” apparirà l’area di ricerca che ci permetterà di interagire tramite comandi vocali, proprio allo stesso modo di come abbiamo spiegato prima. Premendo nuovamente lo stesso tasto sarà permesso all’utente di annullare la ricerca intrapresa all’interno dell’app.

Per tornare alla home abbiamo sempre usato il tasto a se dedicato, ma con la nuova barra, l’unico modo per tornare alla home sarà attraverso il tasto “recenti”, in quanto chi ha fornito queste informazioni ha affermato che per tornare alla home basta tornare nelle app recenti ed effettuare uno slide da sinistra verso destra.

Inoltre sembra che la hotword “Ok Google” potrà essere riconosciuta dal dispositivo solo se pronunciata dal proprietario dello stesso(se impostato), un pò come già succede sul Motorola Moto X, e proprio da Google Now potranno essere attivate le funzionalità di ricerca avanzata nelle Google Apps.

Di queste ultime notizie ne abbiamo conferma anche grazie a questi screenshot che dimostrano quanto detto.

nexusae0_wm_lure_thumb nexusae0_wm_okgoogonboard1_thumb nexusae0_wm_okgoogonboard2_thumb

In conclusione, Google sta cercando di sviluppare tante nuove interessanti funzioni, che però saranno concesse solo ai possessori di un device Google Play Edition, scelta fatta a mio parere solo ed esclusivamente per ingrandire il parco clienti che possiedono device con Android Stock. Sarà una scelta di marketing vincente? è giusto limitare coloro che scelgono Smartphone senza Android Stock? a voi i commenti.

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *