Selfie, Groufie, Belfie, Alfie e Selfie-Pizza: i tormentoni 2015

La selfie mania ha raggiunto il suo top solo l’anno scorso e già è stata sorpassata dal più coinvolgente groufie, che altro non è che un autoscatto di gruppo (da 2 persone in su). A quanti di noi è capitato di aver preso uno smartphone in mano e raggruppato qualche amico per poi sorridere tutti insieme allo “specchio” del proprio device?

 

Leggi anche: Classifica dei migliori smartphone per i vostri selfie
oppure Selfie, la moda del momento! Ecco la storia dal principio ad oggi

Impazzano poi in rete i noti bottom-selfie cioè i selfie del lato B. Provate ad esempio a cercare “#belfie ”su twitter o instagram, ne verranno fuori delle belle!

Questa moda pare essere in continua evoluzione e non sembra volersi fermare. Sono infatti svariati i nomignoli che vengono attribuiti a questo tormentone. Sul sito Sky Mag possiamo addirittura trovarne un elenco in ordine alfabetico!

Che si tratti comunque di un selfie, di un groufie o di un belfie  o ancora di un alfie (autoscatto insieme al proprio cane) o di una selfie-pizza (termine che si spiega decisamente da solo), utilizziamo i metodi più disperati e di solito diamo il difficile incarico di realizzare la foto, magari da condividere nei vari social, a colui che tra noi ha il braccio più lungo.

Ebbene, l’inventiva all’essere umano proprio non manca. Tante sono le soluzioni proposte, facilmente reperibili anche su internet e che sicuramente già conoscete.

selfie_sfondo

Ma qual’è la soluzione migliore per raggiungere lo scatto desiderato, che sia esso serioso, simpatico o sexy?

Innanzi tutto partiamo da un presupposto: bisogna sempre accertarsi che nella foto non compaiano passanti. La privacy va rispettata e soprattutto non si può pensare di condividere liberamente sui social degli scatti in cui ci siano soggetti ignari. In secondo luogo dovremmo anche evitare di utilizzare il cellulare senza un minimo di criterio perché ci sono luoghi e momenti in cui forse sarebbe più opportuno metterlo da parte.

Leggi anche: Usare lo smartphone a tavola: 8 buoni motivi per non farlo!

Chiarito questo, perché non dare una rapida occhiata alle varie soluzioni che ci vengono proposte dal mercato degli accessori per smartphone?

Un’idea che ho trovato molto interessante è quella del famoso marchio Meliconi che noi tutti conosciamo soprattutto in ambito di casalinghi,audio e video. Chi non ha mai avuto un telecomando della tv custodito da un morbido guscio di gomma? Ebbene, la stessa cosa è stata fatta per gli smartphone: hanno realizzato un guscio salva-telefono in morbida gomma antishock con una speciale asola posta nel retro che permette l’uso dello smartphone in sicurezza con una sola mano.

Peccato solo che non sia stato studiato per tutti i dispositivi ma sia disponibile solo per Samsung (serie Galaxy A e S3 e successivi), Apple iPhone (4 e successivi) e Nokia Lumia 630/635.

guscio_meliconi

 

Il più blasonato accessorio rimane però il bastone per selfie.

Senz’altro vi è capitato di vedere turisti girare per la vostra città con in mano delle aste che supportano all’estremità un cellulare. Queste aste evitano quell’effetto ravvicinato tipico dell’autoscatto realizzato con il braccio.

Per utilizzare il bastone per il selfie, basterà inserire il timer per l’autoscatto dall’app (camera) dello smartphone. Certo, sarebbe più comodo avere più tempo a disposizione così da riuscire a mettersi in posa adeguatamente: a tale scopo sarà allora necessario avere con sé anche il telecomando collegato allo smartphone con il bluetooth e in questo modo si avrà tutto il tempo per decidere quando scattare.

Si tratta di un’asta (anche detta selfie stick) che assolutamente non potremo farci mancare quest’estate sotto l’ombrellone. Altrimenti come faremmo ad inviare autoscatti invidiabili ai colleghi che non sono in ferie come noi?

Questo accessorio ormai lo si trova ovunque, ma per chi volesse, lo potrà anche acquistare su internet a pochi euro.

selfie_stick

 

Ma non è finita qui. Vogliamo parlare dell’obiettivo per smartphone?

E già, perché non tutti i device sono dei selfie-phone e magari non scattano una foto di grande qualità. Allora, perché non applicare un obiettivo aggiuntivo tramite una semplice molla che solitamente è adattabile a quasi tutti i modelli? Tramite essa è possibile fissare l’obiettivo e la compatibilità con il vostro dispositivo, fondamentalmente, dipenderà dal suo spessore.

Ovviamente di queste lenti se ne trovano di molteplici tipologie e prezzi. Nel caso in cui non siate in cerca del top ma esclusivamente di un risultato migliore rispetto all’obiettivo standard e se volete essere tranquilli di portarla con voi, ad esempio, in spiaggia, senza troppi problemi, sicuramente spendere poco è la soluzione migliore.

selfie_obiettivo

 

E tu come lo realizzi il tuo selfie? ma soprattutto, sei più un tipo da selfie, groufie o.. belfie?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *