Micromax Bolt Q335: uno smartphone 3G per meno di 60 euro?

Micromax, leader nel mercato indiano ha presentato un nuovo smartphone, Entry level il Bolt Q335.

Micromax-Bolt-q335

La Micromax lancia regolarmente nuovi smartphone con fascia di prezzo medio bassa per configurazioni ambiziose, ma economiche. Micromax ha in mente per il suo nuovo smartphone un prezzo di lancio davvero competitivo, dovrebbe essere proposto a circa 4000 rupie ovvero 60 €. Il nome di questo device è Q335 Bolt ed è apparso sul sito ufficiale della casa indiana, ancora nessun prezzo ufficiale né data di uscita.

Ora passiamo alle specifiche di questo nuovo smartphone di casa Micromax:

Bolt Il Q335 è uno smartphone con uno schermo FWVGA (480 x 854 pixel) da 4,5 pollici, ha un chip quad-core da 1.2 GHz (SC7731) a 32 bit prodotto dal Spreadtrum, il chipmaker con sede a Shanghai.

Compatibile con rete 3G, Bluetooth, Wi-Fi e GPS, il processore è costituito da quattro core Cortex-A7 associato ad una GPU Mali 400 MP2. Tutto correlato da 512 MB di RAM e 4 GB di memoria (di cui 2,5 GB disponibili per l’utente ed espandibile tramite microSDHC).

La batteria raggiunge i 1.650 mAh (sembrerebbe rimovibile). La fotocamera principale è da 5 megapixel con video Full HD, mentre la fotocamera frontale ha una risoluzione di 2 megapixel. Come molti smartphone indiani (e cinesi), il Bolt Q335 propone il dual SIM.

L’hardware viene gestito dal sistema operativo di casa Mountain View, Android 4.4.2 KitKat con tutte le Applicazioni ufficiali di Google.

Micromax è conosciuto per essere il principale concorrente di Samsung in India. Con una simile strategia va a coprire ogni segmento del mercato, anche quello di nicchia, inoltre con il suo marchio Yureka, che gode di una partnership esclusiva con Cyanogen (che ha fatto un sacco di rumore in questi mesi), Micromax tende a confrontarsi con produttori ambiziosi come Xiaomi o OnePlus. Per ora viene confinato in Cina, India e nei paesi limitrofi, ma un giorno sarà troppo piccolo questo mercato per Micromax, per questo motivo suscita il nostro interesse e siamo qui a parlarvene regolarmente.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *