Scansione dell’iride al posto di Knock Code su LG G5

Ultimamente si è discusso molto dell’ultimo top gamma di casa LG e già si parla della prossima generazione, ovvero l’LG G5 che potrebbe arrivare nel mercato nella prima metà del 2016. Il dispositivo, stando ad un recente rumor, potrebbe integrare lo sblocco tramite scansione dell’iride.

Leggi anche | LG G4 è stato presentato ufficialmente, tutti soddisfatti?

scanner-iride

Secondo quanto riferito, LG starebbe collaborando con una ditta coreana specializzata in sistemi biometrici per integrare questa nuova tecnologia di riconoscimento dell’iride sul prossimo top gamma. Se adottasse davvero questa tecnologia sarebbe certamente un passo avanti notevole da parte di LG, che finora non ha mai utilizzato sistemi biometrici sui suoi smartphone, migliorandone così la sicurezza.

Ad oggi si stanno sviluppando sempre maggiori componenti hardware e software permettendo ai nostri dati di avere più sicurezza. Il Knock Code per esempio è uno dei migliori sistemi di sicurezza brevettato da LG per sbloccare il proprio smartphone, la cui funzione è quella di scegliere una sequenza da 2 o 8 tocchi che può essere eseguita in qualsiasi punto dello schermo, come anche lo scanner delle impronte digitali, integrato per la prima volta in iphone 5S.

Questa nuova tecnologia sembra migliorare ancor di più la sicurezza per lo sblocco. Alcuni utenti potrebbero però temere il corretto funzionamento del sensore in condizioni di luce scarsa. Questo dovrebbe essere il punto di maggior rilievo che Irience e LG devono cercare di mettere a punto per questo sistema di sblocco, che peraltro non rappresenta una novità assoluta nel mondo degli smartphone.

Apple e Samsung sarebbero anch’essi al lavoro per questo tipo di tecnologia sui loro futuri device, mentre produttori asiatici come ZTE e Fujitsu hanno già fatto il loro debutto utilizzando proprio questa tecnologia. Sarà certamente interessante vedere se il produttore coreano riuscirà a riformularla per un utilizzo su scala più ampia. E voi cosa ne pensate di questo nuovo sistema? Affidereste mai i vostri dati più preziosi alla sicurezza dell’occhio umano?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *