OnePlus One: a 4 giorni prima del lancio, ecco svelate nuove foto

A pochi giorni dal lancio ufficiale del OnePlus One, fissato per il 23 di Aprile, ecco che trapelano le prime immagini di quello che potrebbe essere il suo design definitivo e della UI (User Interface).

Dalle foto il design del OnePlus One, sembra molto simile a quello dell’Oppo Find 7 fatta eccezione per il display che sembra quasi “fluttuare”, scelta di design questa che potrebbe offrire maggiore resistenza al display in caso di caduta sui 4 angoli. Si nota anche dalle foto, la presenza di tasti soft-touch fisici nella parte più bassa dello smartphone.

 

10-QxqrL4B

Questo andrebbe quindi a confermare il fatto che OnePlus One, potrebbe offrire la possibilità di scegliere se utilizzare i tasti software o i tasti fisici tramite un’opzione delle impostazioni.

Da poche ore, oltre alle immagini dello smartphone, sono trapelate anche quelle che ritrarrebbero delle cover intercambiabili che andrebbero ad abbellire il look minimalistico dello smartphone. Le StyleSwap Covers, questo il nome ufficiale delle cover, saranno realizzate in 5 materiali diversi quali: Seta, Sandstone, Kevlar, Denim e Bamboo.

03-UXiGMhb

Dopo avervi parlato delle immagini riguardanti il OnePlus One, passiamo adesso a quelle che ritraggono la UI dello smartphone. Il dispositivo monta un sistema operativo chiamato CyanogenMod 11S.

Questa sarà una ROM completamente personalizzata e personalizzabile fin nei minimi dettagli, a partire dalla lockscreen che dovrebbe dare informazioni su orario, meteo e percentuale di batteria.

Nella CyanogenMod 11S si ritroverà poi anche il nuovo Theme Engine, che permetterà non solo di modificare il tema generale del sistema ma anche tanti altri aspetti, come le icone, la bootanimation, i caratteri e tanto altro ancora.

Questo, è tutto quello che possiamo ricavare dalle foto del OnePlus One che circolano sulla rete da qualche ora. Non ci resta che attendere la data del lancio, per confermare o smentire la veridicità di tutte le informazioni raccolte fin’ora.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *