Nokia acquista l’azienda Alcatel-Lucent: 15,6 milioni di euro per l’acquisizione

Accordo di fusione tra il colosso finlandese e il gruppo franco-americano, l’obiettivo a medio raggio è di diventare leader mondiali per la produzione di reti per comunicazioni.

alcatel

La casa finlandese Nokia ha raggiunto ufficialmente, dopo le notizie trapelate i giorni scorsi, l’intesa d’acquisto per 15,6 milioni di euro della “rivale” franco-americana Alcatel Lucent.

Nokia offrirà agli azionisti Alcatel Lucent 0,55 azioni della nuova entità per ognuna delle vecchie azioni.

La casa finlandese avrà il 66,5% della nuova società e il restante 33,5% rimarrà nelle mani di Alacatel.

Nokia si impegna a mantenere in Francia il centro vitale della nuova società e di non tagliare posti di lavoro oltre a quelli che la stessa Alcatel aveva già previsto, e questo per i lavoratori Francesi è una buona notizia, ma non troppo e riguarda purtroppo anche i lavoratori Italiani della Alcatel Lucent della sede di Battipaglia, Roma e Vimercate, 29 lavoratori che anche con l’arrivo di Nokia vedono reale lo spettro del licenziamento.

Tornando alla notizia di apertura l’accordo potrebbe portare ad una accelerazione per lo sviluppo di future tecnologie, come la nuova rete 5G, questo è al momento la metà più vicina e le due aziende lavoreranno per raggiungere più in fretta possibile questo traguardo.

Nel comunicato ufficiale Nokia annuncia anche la rivalutazione della propria divisione HERE, valutando la possibilità di venderla al miglior acquirente.

Il CEO Nokia Rajeev Suri rimarrà in carica nella nuova società, manterrà il marchio Nokia con il quartier generale ubicato in Finlandia mentre gli uffici attivi saranno dislocati in Germania, Francia, USA e Cina.

Investimenti di 100 milioni di euro saranno subito messi a disposizione per un gruppo di lavoro incentrato sulla area Internet, inoltre il progetto 5G avrà il suo centro di ricerca e un nuovo laboratorio di sicurezza di Cyber.

In conclusione Nokia lascia in secondo piano la telefonia mobile e si accentra, dove vede i guadagni più ampi e senza grossi concorrenti all’orizzonte, sicuramente saranno strategie di mercato e Nokia è pronta a rimettersi in gioco e con grosse possibilità di successo.

[fonte]