Project Fi, il nuovo progetto di Google sul roaming: dettagli e tutte le caratteristiche

Le grande aziende hanno sempre più difficoltà a nascondere i propri segreti e progetti visto che vengono monitorate in ogni azione e sopratutto quando vengono coinvolti dei partner è quasi automatico che qualche notizia venga accidentalmente trapelata.

Sembra che un nuovo progetto segreto di Google denominato “Project Fi” stia venendo alla luce ed in rete grazie alla solita comunità di XDA, che ha trasformato il tutto in un immagine firmware per Nexus 6, siamo riusciti a venire a conoscenza di molte informazioni e dettagli riguardanti i piani, fatturazione e caratteristiche del nuovo servizio Project Fi.

google-project-fi

Disclaimer: in questo articolo troverete dei collegamenti firmware di versioni modificate di Android, EnjoyPhone Blog.it sconsiglia di installare tali software visto che non sono autentici e potrebbe essere necessario un Factory Reset del proprio device, inoltre tali collegamenti potrebbero nel corso del tempo essere cancellati.

 

Ma partiamo dalle origini..

Qualche settimana fa un’immagine del firmware per il Nexus 6 è stata caricata sul noto sito Hosting motofirmware.center a questo LINK RIMOSSO, il numero della build di questa strana versione di Android basata sulla 5.1 era “etichettata” con il codice LVY47H e con una data di creazione del 16 febbraio 2015 che confermava appunto, la recente attività di Google per questo nuovo servizio.

All’interno di questa immagine firmware c’era la presenza di un apk chiamato “Tycho.apk” e quest’applicazione era firmata con una chiave crittografata che dalle fonti apparse in rete viene ribadito che fosse verificata proprio da Google.

Ovviamente tali informazioni non sono possibili da confermare visto che al momento in rete non esiste una prova tangibile e nemmeno una “traccia”.

 

Ma andiamo ad analizzare nel dettaglio tutto quello che si sa su Tycho e Project Fi

Sapevamo già da tempo che Google voleva entrare con prepotenza nel mondo degli operatori mobili e Tycho sarà l’applicazione che fungerà da interfaccia per il nuovo servizio di Google MVNO dedicato alle chiamate ed esclusivo per i telefoni Android.

Ovviamente prima del rilascio ufficiale potranno cambiare molte cose anche legate ai nomi visto che al momento si tratta di “nomi in codice”, anche perchè se si fa un giro sul web molti domini legati a queste parole chiave come www.projectfi.net sono ancora disponibili; se fosse vero il nome Google avrebbe sicuramente bloccati tutti i domini inerenti molti mesi fa.

Come detto precedentemente Tycho.apk sembra essere il nome di questo nuovo file ed il pacchetto sarà “com.google.android.apps.tycho“.

Questa nuova applicazione è firmata con un certificato contenete il nome di “Nova” e potrebbe corrispondere proprio al nome – nonché la realizzazione fisica (server ed infrastrutture) – del nuovo servizio MVNO.

Firma per Tychno.apk
Proprietario: CN = nova, OU = Android, O = Google Inc., L = Mountain View, ST = California, C = US

Invece il nome riferimento del servizio contenuto anche all’interno delle stringhe di codice è proprio Project Fi che potrebbe far riferimento semplicemente alla parola “Wi-Fi” visto che l’intento di Google per questo nuovo servizio punta nell’offrire una rete veloce in tutto il mondo, ove possibile, a basso costo.

<String name = “about_app”>About Project Fi </ string>
<String name = “activating_nova”> Activating Project Fi … </ string>
<String name = “app_name”> Project Fi </ string>

Invece da quanto trapelato l’icona di avvio sarà molto simile a quella mostrata qui sotto:

Project Fi icona

 

 

Caratteristiche dell’applicazione Tycho

L’applicazione Tycho si presenta in forma abbastanza “standard” senza nessuna caratteristica unica e straordinaria ma con una gestione delle proprie bollette, statistiche di utilizzo della propria linea, configurazione del piano dati ed altre attività base.

Interessante anche, grazie ad un’analisi  avanzata del codice dell’app, la possibilità di richiedere un nuovo numero, avviare un trasferimento oppure chiudere direttamente un conto. Insomma, tutti servizi ed una gestione a 360 gradi che al momento nessun operatore mondiale offre.

 

I dettagli di Project Fi e cosa lo contraddistingue dagli altri

Se la lettura di questo articolo vi sta incuriosendo ecco le caratteristiche che questo nuovo servizio di Google lo contraddistinguerà dagli altri.

Per prima cosa, a differenza di molti operatori Wireless questo nuovo Project Fi sarà costruito intorno all’idea del “ricaricabile” e cioè offrire il servizio a chi paga senza nessun vincolo con la possibilità di interrompere il servizio per poi riprenderlo quando si vuole.

Ovviamente ci saranno dei piani ben prestabiliti ed unici legati anche al superamento dei GB disponibili dove verrà attuata la stessa tariffa per ogni gigabyte aggiuntivo.

Di contro ogni mese i GB non utilizzati verranno accumulati e ci sarà un incremento nel mese successivo per chi non utilizzerà tutto il proprio traffico e questo “feature” porterà il nuovo servizio di Google a non avere nessun concorrente all’interno degli operatori telefonici.

Un’altra importante caratteristica sarà quella di avere delle statistiche ben dettagliate su qualsiasi dispositivo ed il consumo dei dati infatti – tramite l’applicazione dedicata – vi dirà esattamente i dispositivi collegati al servizio (smartphone, tablet oppure l’auto con Android Car) ed il consumo effettivo in un determinato periodo.

E ovvio che Google farà le cose a puntino e non mancherà anche una gestione del servizio tra più dispositivi infatti, sempre seguendo le linee di codice, Project Fi supporterà il passaggio da un dispositivo primario di un telefono ad un altro reindirizzando tutte le chiamate ed i messaggi di testo senza cambiare SIM, fantastico no?

Inoltre all’interno delle strighe di codice c’è un riferimento su un addebito “Extras” che tuttavia non è ancora stato chiarito di cosa si tratterà realmente. Si suppone che si potrà effettuare acquisti sul Play Store direttamente dal proprio conto oppure acquistare ulteriori servizi, insomma Google promette un’esperienza davvero all-in-one.

 

Partner & Servizi

Ovviamente Google al lancio di Project Fi non si scontrerà “contro il mondo” ma la stessa società è alla ricerca di partner da inserire in questo nuovo servizio, infatti oltre ad offrire le proprie reti Google cercherà di pattuire collaborazioni iniziali con operatori come Sprint e T-Mobile per fornire il migliore servizio ed un roaming internazionale oltre che ad un auto-switching veloce tra la migliore rete nella posizione in cui ci si trova.

Ovviamente Project Fi sarà compatibile con tutti i servizi attuali di Google, come Hangout e Google Voice.

Purtroppo però secondo alcune voci sembrerebbe che solo determinati dispositivi saranno compatibili con questo nuovo servizio MVNO di Google e si parla sopratutto di Nexus 6 che sarà appunto l’unico smartphone attualmente sul mercato a poter usufruire della nuova build di Android che implementerà l’applicazione “Tycho” e tutti i suoi servizi aspettando ovviamente che tutte le case produttrici la implementino con il tempo anche sui propri device, ma ovviamente ci vorrà tempo ed è ovvio che Google anche in questa caso attuerà una linea privilegiata per i propria linea di device cercando di aumentare le vendite della propria famiglia di dispositivi Nexus.

 

La Privacy non esisterà più!

Se da una parte tutto risulterà “figo e totalmente innovativo” l’altro lato della medaglia riguarderà la nostra privacy visto che la grande BiG G utilizzerà le chiamate per vedere ancora più nel dettaglio le nostre abitudini e darci della pubblicità mirata.

Per farvi un esempio molto pratico, Google controllerà la nostra cronologia delle chiamate e se abbiamo chiamato un negozio di biciclette quando si andrà sul web compariranno le “Ads” per un paio di giorni sull’acquisto di Mountain Bike ed altri articoli inerenti il mondo delle bici.

Ovviamente non mancherà l’impostazione per la tutela della propria privacy dove si potrà togliere il consenso della condivisione dei dati delle chiamate raccolti da Google e dalle compagnie telefoniche.

 

Beta-Tester di Project Fi e presentazione

Purtroppo sul web non si sa nulla e nemmeno si hanno notizie su come e dove iscriversi al programma pre-release di Project Fi anche se alcuni utenti sono già iscritti a tale servizio.

Sicuramente Google, come è successo per Inbox lo scorso anno, darà la possibilità agli utenti di provare questo nuovo servizio solamente su invito in modo da fare un’espansione controllata il più possibile.

 

Annuncio Ufficiale di Project Fi

Ancora non sappiamo quando verrà lanciato Project Fi, ma secondo alcune “voci di corridoio” sembra che un annuncio ufficiale potrebbe avvenire proprio in occasione del Google I/O 2015 che si terrà tra qualche mese – esattamente a maggio – dove Sundar Pichai sul palco ci riserverà più di una sorpresa.